The Way Of Purity «Crosscore» (2010)

The Way Of Purity «Crosscore» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
695

 

Band:
The Way Of Purity
[MetalWave] Invia una email a The Way Of Purity [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di The Way Of Purity [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di The Way Of Purity [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di The Way Of Purity

 

Titolo:
Crosscore

 

Nazione:
Svezia

 

Formazione:
Betty :: Lead Vocals
Withoutname :: Guitar + Back Vocals
Deathwith :: Guitar
Lostmyfaith :: Keyboards + Back Vocals
Jeffrey :: Bass
Wallofdeath :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
29' 11"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2010

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I The Way Of Purity si prensentano mediante una “non presentazione”. Da quanto affermano loro stessi non posseggono mode né “cool band members” né nomi né foto fighe né effigi né influenze musicali e per chiudere nemmeno compromessi tant'è che affermano “we are the fucking nothing!”.
Particolare presa di posizione la loro in questo totale rifiuto di ogni cosa e particolare anche questa loro visione del mondo espressa abbastanza bene nella loro musica.
Esprimendo un semplice messaggio nichilista in cui bene e male sono la stessa faccia di una medaglia i nostri hanno confezionato un disco ricco di sorprese in cui non compaiono effettivamente richiami ad altre tipologie musicali.

Certo è che siamo nel Death Metal e fin qui nulla da eccepire ma è un Death Metal strano, dalle mille facce, come a volerci ricordare che il tutto è nulla e viceversa.
Un Death quindi che suona in un modo melodico ma frastagliato ricco di elementi che potrebbero farci pensare ad un Metalcore moderno ma un attimo dopo i nostri sembrano sterzare verso il Gothic più ritmico o il MeloDeath più becero, non sapremo mai cos'hanno in testa i The Way Of Purity ma almeno il disco (nemmeno troppo lungo in minutaggio con i suoi 29 minuti) scorre abbastanza bene facendo comparire anche voci femminili e brani che tutto sommato funzionano.
Non è il solito disco. Buona l'originalità anche se occorrono più ascolti per digerirlo.

Track by Track
  1. The 23rd Circle Breeds Pestilence 70
  2. Lycanthropy 70
  3. Anchored To Suffocation 65
  4. The Rise Of Noah 75
  5. Loyal Breakdown Of Souls 70
  6. Sinner 65
  7. Egoist 65
  8. Deathwish 60
  9. Burst 60
  10. Pure 60
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 55
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
68

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 695 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.