Bad Bones «A Family Affair» (2010)

Bad Bones «A Family Affair» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Dust »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
989

 

Band:
Bad Bones
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Bad Bones [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Bad Bones [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Bad Bones [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Bad Bones

 

Titolo:
A Family Affair

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Meku Bone: Chitarra, Voce
Steve Bone:basso
Lele Bone: Batteria

 

Genere:

 

Durata:
58' 45"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2010

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I Bad Bones sono una band fondata nel maggio del 2007 a Ceva da Steve Balocco, Meku Borra e Lele Balocco.
Un anno dopo viene autoprodotto il loro album di debutto Smalltown Brawlers che porta i ragazzi nell'estate del 2008 a fare un tour di due mesi negli Stati Uniti con 22 spettacoli, oltre che in Italia, Germania, Francia e Svizzera. Nel gennaio 2010, il gruppo firma un accordo con Nadir Music e Audioglobe per il loro nuovo album, A Family Affair, uscito il 14 maggio 2010 assicurandosi altri importantissimi spettacoli nel territorio nazionale come Gods Of Metal all'Alcatraz di Milano e il 24 aprile all'Italian Headbangers Fest a Roma.
Già da queste piccole note biografiche, possiamo capire che la band è sicuramente di ottimo livello; con il loro Hard Rock ruvido, rozzo e dannatamente vero, il terzetto propone un lavoro abbastanza completo praticamente sotto ogni punto di vista: anche se le sonorità sono abbastanza risentite, mantengono una buona originalità tenendosi in bilico tra spunti Motorhead più raffinati e Thin Lizzy e Motley Crue più grezzi tanto per dare un'idea, il tutto guidato da un suono di chitarra leggermente zanzaroso e sgranato che generalmente non amo, ma che in questo caso è veramente perfetto. Quello che però colpisce maggiormente è una ottima sezione lead di chitarra che propone fraseggi non banali in pieno accordo con il brano, senza cadere in lick risentiti e stancanti.
Altro punto di forza di questo album è un suono di basso tra i più belli che abbia mai avuto modo di sentire: giusto mix di corpo e saturazione che regala all'ascoltatore un sound veramente interessante e gustoso che si appoggia molto bene su sezioni di batteria non esaltanti tecnicamente, ma assolutamente precise e piene di groove su ogni passaggio. Unico punto un po' debole è una voce non molto espressiva e ricca di dinamica, ma credo che quello che esce dal cd sia proprio quanto desiderato dalla band: nei prossimi lavori, l'aggiunta di controvoci leggermente più soft e morbide sicuramente regaleranno ottimi risultati. Anche l'artwork proposto è molto interessante, sebbene dei teschi disegnati in chiave fumettistica rimandino molto a grafiche riviste, soprattutto nell'Hard Rock, la cover del CD è un ottimo mix di ironia ed energia.
Che dire, veramente un ottimo lavoro per questa ottima band che auguro a tutti di poter vedere e sentire dal vivo.

Track by Track
  1. Intro - 128 Oxnard Avenue 65
  2. Modern times 70
  3. Road to R'n'R 65
  4. No way out 70
  5. Ghost town blues 75
  6. A family affair 70
  7. Street dogs 70
  8. Run over me 75
  9. With the lights off 75
  10. My head is upside out 70
  11. Desperado 80
  12. Don't let the spirits get in 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
72

 

Recensione di Dust » pubblicata il --. Articolo letto 989 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.