Voices From Beyond «The Gates Of Madness» (2010)

Voices From Beyond «The Gates Of Madness» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Maglor »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1082

 

Band:
Voices From Beyond
[MetalWave] Invia una email a Voices From Beyond [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Voices From Beyond [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Voices From Beyond [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Voices From Beyond [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Voices From Beyond

 

Titolo:
The Gates Of Madness

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Vocals: Roberto Ferri
Lead guitar: Andrea Giunchi Rhythm guitar: Matteo Poni Bass: Raffaele Sapio
Drums: Claudio Tirincanti

 

Genere:

 

Durata:
51' 8"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2010

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

La passione per il metallo ottantiano, e per un certo thrash in particolare, pare vivere negli ultimi anni una seconda, o forse pure una terza, giovinezza. Diversi sono gli esempi, sia in terra italica che su scala internazionale, di presunti defunti che tornano a calcare le scene oltre che di diverse nuove leve impegnate a dissotterrare l’ascia di guerra forgiata in quella scintillante, almeno per questo genere musicale, decade. I “Voices From Beyond”, band del riminese attiva da una manciata di anni e con un EP alle spalle, appartengono alla nutrita schiera di questi ultimi e portano oggi alle stampe, via SG Records, “The Gates of Madness”, loro primo full lenght.
La band emiliana propone infatti un metal ottantiano che si pone a cavallo tra il power di Vicious Rumors e Jag Panzer e il thrash più melodico e ricercato di band quali Annihilator e, soprattutto, Forbidden: potenza, melodia e una buona dose di aggressività e tecnica, il tutto condito da una voce tagliente ma pulita che si lascia di tanto in tanto andare a parti più aggressive, al limite dello screaming.
I nostri dal punto di vista tecnico sfoggiano una prestazione di tutto rispetto, con una sezione ritmica potente e varia, chitarre affilate che tinteggiano riff rocciosi e allo stesso tempo articolati oltre che assoli di pregevole fattura.
“The Gates Of Madness” si articola tra classiche cavalcate metalliche dai toni quasi epici e accelerazioni in your face valorizzate da una produzione targata Fear Studio che risulta moderna senza snaturare l’atmosfera old school che si respira per tutto il disco. I pezzi proposti sono efficaci, vari, ben strutturati ed arrangiati, tanto da tenere botta per la ragguardevole durata di 51 minuti del disco facendo sì che “The Gates of Madness” risulti un prodotto consigliatissimo a tutti gli amanti delle sonorità descritte e i nostri, nella commistione tra metal classico, partituture techno-thrash e la classica aggressività thrash degli eighties sembrano aver trovato una formula che li distingue almeno in parte dai molti figli di quell’era che proliferano nella penisola e non solo.
Un buon lavoro dunque e, lavata via qualche citazione, la via tracciata sembra prometter bene: considerato che questa è un’opera prima, bisogna certo tenere d’occhio questi cinque.

Track by Track
  1. Terror Screen 70
  2. The Chosen 70
  3. Voices From Beyond 75
  4. Time Dream 70
  5. The Cult of Madness 75
  6. Don't Change Your Mind 70
  7. Day Of Rebirth 70
  8. The Key Of Doom 75
  9. Welcome You 70
  10. From Beyond 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
73

 

Recensione di Maglor » pubblicata il --. Articolo letto 1082 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.