StardishWashers «Cool» (2010)

Stardishwashers «Cool» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
880

 

Band:
StardishWashers
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di StardishWashers [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di StardishWashers

 

Titolo:
Cool

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Stefano Pinci :: Lead Vocals
Matteo Cenciarelli :: Guitars + Back Vocals
Michele Caldaro :: Bass On Tracks 3, 7, 8, 9, 10
Marco Colaiacomo :: Bass On Tracks 1, 2, 4, 5, 6
Valerio Galassi :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
32' 45"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2010

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Primo album per i rockers romani “Stardish Washers”, e primo debutto discografico dopo aver firmato da poco tempo per la Red Pony Records. Un inizio in quinta quindi per il quartetto nostrano.
Il disco presenta né più e né meno ciò che mi aspettavo: un misto di rock d'oltremanica di decadi passate che strizza l'occhio a sonorità Glam, Street Rock, Hair Metal e addirittura prende in esame stili diversi quali ad esempio il Crossover ma la band riesce facilmente ad unire molte influenze presentandole così, senza infamia né lode, alle orecchie del pubblico italiano e non.
Le dieci canzoni di cui è composto il disco funzionano tranquillamente e sono costruite in modo chiaro e danno sicuramente il via a situazioni di divertimento approcciando l'una con l'altra in un susseguirsi di atteggiamenti festaioli. Inutile dire che mi immagino i nostri a qualche festa su di un palco ad animare la serata.
I problemi iniziano quando ci si rende conto della pronuncia inglese piuttosto carente del singer, fatto, questo qui, che va a minare pericolsamente tutto il disco e può far storcere il muso, specialmente in brani (anche interessanti musicalmente poi!) come la ballad “My Endless Wait” e
“Love For Sale” dotata per altro di un meraviglioso assolo di chitarra.
Altra pecca: la produzione lascia a desiderare in quanto i suoni mi sono apparsi troppo vuoti e spesso scadono nella piattezza lasciando il pezzo a se stesso.
Non da buttare ma come prima puntata francamente mi sarei aspettato di meglio.

Track by Track
  1. Johnny Vs. The Yokels 60
  2. Neighbour's Daughter 60
  3. Hot Rods 50
  4. Little Shandi 60
  5. Hardworking Man 50
  6. A Glass Of You 60
  7. My Endless Wait 55
  8. Sister M 65
  9. Love For Sale 55
  10. Bad Grandma 50
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 65
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 55
  • Tecnica: 60
Giudizio Finale
58

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 880 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.