Dogs For Breakfast «Rose Lane Was Tucker's Girlfriend» (2010)

Dogs For Breakfast «Rose Lane Was Tucker's Girlfriend» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
882

 

Band:
Dogs For Breakfast
[MetalWave] Invia una email a Dogs For Breakfast [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Dogs For Breakfast [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Dogs For Breakfast [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Dogs For Breakfast [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Dogs For Breakfast

 

Titolo:
Rose Lane Was Tucker's Girlfriend

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Fabio Oliva :: Vocals + Bass
Paolo Oliva :: Guitar
Andrea Peracchia :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
22' 51"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
2010

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I Dogs For Breakfast vengono da Cuneo e sorgono dalle ceneri degli Slaiver. Giungono con il loro primo EP dal titolo “Rose Lane Was Tucker's Girlfriend” e dall'artwork veramente ben concepito e ce lo propongono così, senza indugi, con il loro sound che tende quasi al Post-Hardcore con chiari riferimenti al più becero e distruttivo Noise.
Le sonorità appaiono fin da subito sporche richiamando la sfera caotica del genere in cui le cinque buone tracce si rifugiano in tutta la loro più violenta furia.
E' come un pugno in piena faccia, non ci sono compromessi che tengano e i nostri fanno dell'esplicità il loro monito per il mondo, cosa buona e giusta naturalmente.

Tendenti ad un pubblico di nicchia ma allo stesso tempo apprezzabilissimi se si mastica un po' quella tipologia di Hardcore che si sposa tendenzialmente con la sperimentazione più assidua e arriva addirittura a sfiorare la più violenta psichedelia, come fossimo teletrasportati in un incubo in piena regola.
Le voci rappresentano la storia raccontata e mediante urli disumani e riff granitici lenti, macchinosi e oppressivi le tracce si aprono e si chiudono come finestre nell'oscurità del caos.
E' imperativo da parte mia menzionare “I'll Guide Your Soul” e l'ultima sofficante “Three Steps To Salvation” come tracce decisamente migliori qualitativamente rispetto alle altre le quali non sono brutte ma giungono con meno personalità rispetto a questi due gioiellini citati poc'anzi.

Verrete inesorabilmente trascinati nel mondo sonoro dei DFB costituito di violentissime onde sonore distorte e raccapriccianti, ma i nostri sanno bene cosa dire e come dirlo per cui il lavoro non poteva uscire che discreto a mio avviso!
C'è poco da dire e molto da ascoltare. Fatevi sotto!

Track by Track
  1. The Beginning 65
  2. Blood River 70
  3. I'll Guide Your Soul 75
  4. Your God Is Gone 70
  5. Three Steps To Salvation 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
72

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 882 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.