Ecnephias «Ways of Descention» (2010)

Ecnephias «Ways Of Descention» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Crash »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1387

 

Band:
Ecnephias
[MetalWave] Invia una email a Ecnephias [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Ecnephias [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Ecnephias [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Ecnephias [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Ecnephias

 

Titolo:
Ways of Descention

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Mancan - Voce, Chitarra
Sicarius Inferni - Tastiere e Piano
Aran Morion - Basso
Akeron - Chitarra
Atlos - Batteria

 

Genere:

 

Durata:
40' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2010

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

È passato un po' da quando il sottoscritto ebbe modo di conoscere questa band lucana, una delle tante perle underground verso cui questo Paese è così avaro di attenzioni. Del bizzarro dark-gothic-doom-death/black (e chi più ne ha più ne metta) degli esordi in questa sede è rimasto ben poco, mentre l'Ep Haereticus, con cui avevamo saggiato i nuovi orientamenti dei lucani, che qui trovano logico approdo. Ways of Descention approfondisce il discorso sinfonico e – è il caso di dirlo – sacrale iniziato con Haereticus, mostrandoci una personale interpretazione di un Black lento e sinfonico che guarda ai nostrani Opera IX con la sua maligna monoliticità, dimostrando però una maggiore compattezza dei settentrionali equilibrando il riffing tra Death e Black come nell'ottima 'Twist of Personality' che un po' ricorda i Satyricon di Nemesis Divina, almeno fino all'intenso e malinconico passaggio in italiano che spezza l'aggressività del pezzo a favore di un'epica e oscura lentezza, che sboccia nelle melodie malate di 'Empty Cold Veins', nella cupezza di 'Eternally Bound' e nella bella 'A Strange Painting', densa di richiami ai maestri Katatonia.
L'essenza di Ways of Descention è estremamente personale e rarefatta, nonostante episodi come l'ottima e live-oriented 'Marilene's Lustful Whims', rendendo l'album un'opera ermetica e ostica all'easy listening, lontana da elementi catchy e quindi bisognosa di molteplici ascolti.
La lirica conclusione finale 'Il Nostro Patto' è poi la perla finale che accende il cuore anche all'ascoltatore più smaliziato.
Ostico ed ermetico, questo disco farà parlare di sé.

Track by Track
  1. Secrets of a Black Priest 70
  2. Twist of personality 80
  3. Beyond suspicion 60
  4. Empty Cold Veins 70
  5. A Strange Painting 80
  6. Il Martirio di San Lucifero S.V.
  7. Marilene's Lustful Whims 75
  8. Eternally bound 70
  9. Il nostro patto S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 90
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
76

 

Recensione di Crash » pubblicata il --. Articolo letto 1387 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.