WindSeeker «By The Seed of the Same Good» (2003)

Windseeker «By The Seed Of The Same Good» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Belial »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1276

 

Band:
WindSeeker
[MetalWave] Invia una email a WindSeeker [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di WindSeeker [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di WindSeeker

 

Titolo:
By The Seed of the Same Good

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Mauro Gelsomini - Voce (Clean)
Simone Lanna - Chitarra
Claudio Testini - Batteria
Alessandro di Clemente - Chitarra Ritmica / Voce (Scream)
Alessandro Angelo - Basso

 

Genere:

 

Durata:
18' 5"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2003

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Partiamo da un presupposto pratico e incisivo, questo demo mi piace alla grande, se mi chiedete se sono di parte vi dico chiaramente di no, xke' sono un recensore Death Thrash metal e quindi cio' che mi piace mi piace punto e stop. :D
Questo lavoro dei romani windseeker mi fa' capire come al giorno d'oggi non ci sono solamente band che prendono di mira un genere e "cercano" di portarcisi dentro, questo gruppo un genere di approssimazione Thrash ce l'ha pero' mi fa' piacere vedere come dalla voce Heavy passino a uno scream cosi' spettacolarmente fuori dai canoni.
Complimenti un plauso a cotanto ardore.
Ora veniamo al lato pratico e diamo bando alle ciance, 4 pezzi tutti molto ben realizzati anche dal lato produttivo, una batteria che macina e trita in doppio pedale la' dove serve ne troppo ridondante ne troppo scarna, in pezzi come Wrapped In Plastic e Deconstructure si nota benissimo come venga cadenzato il tempo ritmico in maniera da creare un climax ascendente che culmina con un tocco di virtuosismo, quindi bravo Claudio (do' del TU anche non conoscendo la gente tanto siamo tutti persone comuni :D).
Per i pezzi di chitarra molto ben apprezzati quelli di I'm the Cybored coerenti e spinti al punto giusto mai cercando di strafare, fraparentesi l'inframezzo acustico pulito di Wrapped In plastic con il cantato clean mi piace tantissimo non azzardo paragoni ma mi ricorda un'intro dei Dark Tranquillity su The Mind's I :°) (mi scende una lacrima di felicita').
Per il resto la voce e' molto interessante, forte, chiara, bravi molto bravi non finiro' mai di dirlo :)
Se volete mandarmi delle derrate alimentari per ripagare questo mio modo di adularmi potete contattarmi per mail :D ahahahaha no scherzo sono veramente sorpreso da questa opera. continuate cosi'. aspetto altro materiale da recensire.

In Metal We Trust, and in GOD I see the INFERNAL DUST

Track by Track
  1. Wrapped In Plastic 80
  2. I'm the Cybored 85
  3. Deconstructure 90
  4. Suffering 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 85
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 85
Giudizio Finale
85

 

Recensione di Belial » pubblicata il --. Articolo letto 1276 volte.

 

Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.