Silenzio Profondo «Alias» (2009)

Silenzio Profondo ŤAliasť | MetalWave.it Recensioni Autore:
Clode »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
666

 

Band:
Silenzio Profondo
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Silenzio Profondo [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Silenzio Profondo

 

Titolo:
Alias

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Marco Rossato :: Chitarra E Voce
Alessandro Davolio :: Batteria E Voce
Gianluca Molinari :: Chitarra
Greta Magnani :: Cori

 

Genere:

 

Durata:
28' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2009

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Dei Silenzio Profondo si trova poco in rete. Posso dire solo quel poco che leggo nel loro Myspace, il gruppo è formato da quattro giovani ragazzi che abitano nella provincia di Mantova e che ci propongono quattro brani Heavy Thrash discretamente suonati ma decisamente acerbi.
Si parte con “Terra 51” e subito mi vengono in mente i Judas Priest tanto è il tasso di Heavy Rock che si respira ma è forte anche l’influenza dei Metallica dei primi album, i ragazzi si comportano bene dietro i loro strumenti ma la voce del cantante non mi convince molto, anche se devo dire che l’idea di rispolverare l’italiano non puo’ che farmi piacere e ricordarmi, con un po di malinconia i grandi Insidia.
Del pezzo successivo “You’re Just Mine Now” rimane soprattutto il bel break acustico centrale e le parti dove alla voce maschile si affianca anche quella femminile mentre si ritorna a cantare in italiano in “Jack Daniel’s”, il brano è tirato e ben calibrato ma il testo risulta decisamente trito ed a tratti imbarazzante tanto riprende cliche’ sentiti milioni di volte nelle canzoni del nostro bel paese.
La lunga ballad elettro/acustica finale “Scivolando Nell’Oblio” è probabilmente il pezzo meglio riuscito da questo primo lavoro dei Silenzio Profondo ricordandomi immediatamente i mai troppo compianti Timoria di Francesco Renga che viene spezzato ad arte da cavalcate degne dei Metallica dell’era Kill ‘em All.
Per concludere posso dire che in questa band c’è del buono, eccome, la tecnica c’è ma la voce va di sicuro migliorata, magari, con l’innesto fisso della brava cantante femminile che si sente in alcuni brani.

Track by Track
  1. Terra 51 60
  2. You're Just Mine Now 65
  3. Jack Daniel's 60
  4. Scivolando nell'Oblio 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 65
Giudizio Finale
64

 

Recensione di Clode » pubblicata il --. Articolo letto 666 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.