Unconventional Disruption «In a Life Of Death To Nothing » (2009)

Unconventional Disruption «In A Life Of Death To Nothing» | MetalWave.it Recensioni Autore:
carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
749

 

Band:
Unconventional Disruption
[MetalWave] Invia una email a Unconventional Disruption [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Unconventional Disruption [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Unconventional Disruption [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Unconventional Disruption [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Unconventional Disruption [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Unconventional Disruption [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Unconventional Disruption

 

Titolo:
In a Life Of Death To Nothing

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Gory :: Vocals
Max :: Guitar
Teo :: Guitar
J.D. :: Bass
Manuel "Dual Core" :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
19' 0"

 

Formato:
Mini-CD

 

Data di Uscita:
2009

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Partendo dal presupposto che è ben difficile giudicare totalmente una band avendo a disposizione soltanto un promo, quest'affermazione risulta falsa se la band in questione presenta un demo strutturato, prodotto, eseguito e registrato in modo completamente impeccabile, praticamente come da Full-Lenght.
Gli “Unconventional Disruption” suonerebbero quasi esteri rispetto alla scena italiana che ultimamente sta proponendo per il 90% band Metalcore e invece sono italianissimi e incazzatissimi.
Oserei denominarli i “Meshuggah Italiani” per quanto mi riguarda, tanto le cinque tracce mi hanno completamente convinto sia dal punto di vista esecutivo che da quello proprio compositivo.
Macigni sonori e tanta tantissima tecnica per un Death Metal molto particolare, non che i Meshuggah facciano Death ok, ma stilisticamente i nostri si avvicinano molto senza fare passi più lunghi della gamba e quest'ultimo elemento potrebbe suonare quasi strano, tanto le band di ragazzini hanno l'attitudine di voler esagerare senza possedere i giusti mezzi e la giusta competenza musicale.
Gli U.D. sono estremamente tecnici in tutto ma senza risultare fini a se stessi, del resto sono un gruppo puramente ritmico e ciò che sanno fare lo fanno più che bene.
Il mio giudizio è buonissimo per ora, aspetto con ansia un album vero e proprio per poter confermare il mio apprezzamento.

Track by Track
  1. Bleeding Breed 75
  2. Denaturalization Of Ground 80
  3. Melting In God 80
  4. Deformed Souls 85
  5. Rectitude? 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 90
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
81

 

Recensione di carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 749 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.