Resurrecturis «Non Voglio Morire» (2009)

Resurrecturis «Non Voglio Morire» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Burning Soul »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1230

 

Band:
Resurrecturis
[MetalWave] Invia una email a Resurrecturis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Resurrecturis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Resurrecturis [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Resurrecturis

 

Titolo:
Non Voglio Morire

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Carlo Strappa - Chitarra
Alessandro Vagnoni - Batteria
Manuel Coccia - Basso
Janos Murri - Voce, Chitarra

 

Genere:

 

Durata:
49' 30"

 

Formato:
CD + DVD

 

Data di Uscita:
2009

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Quando mi sono trovato in mano questo cartonato lucido con delle illustrazioni inquietanti dai colori pastosi e sporchi, mi si è accesa una lampadina, e ho inserito subito il cd che,graficamente, sembrava porgermi una mano come da invitarmi all’interno di uno strano viaggio. Un esperienza ormai quasi ventennale, date in ogni dove, annoverano i ressurecturis tra gli importatori del sound prettamente death, nel panorama italiano. Questa loro ultima fatica si presenta in una veste grafica e audio, ottimale, denotando una grande cura dei dettagli, sfruttando tutto il materiale a loro disposizione nella maniera più consona e intelligente. Passando al compartimento che più ci intriga, tutto è come dovrebbe essere in un cd di una band professionista… Il sound è quello di un death ricercato,raffinato…. Non c’è paura della sperimentazione, la voce è libera di correre a trovare vocalità nuove (a volte anche eccessivamente ricercate ), elementi elettronici e distorti saltano di traccia in traccia, li a esaltare un pezzo aggressivo e veloce, là a rafforzare un atmosfera dolce pervasa da un atmosfera malata… Chitarre, basso e batteria sono tecniche e tipiche del genere,riuscendo però tranquillamente anche a calarsi in quei pezzi più lenti e ricchi di sonorità che vanno oltre il death (ci sono stati dei pezzi che a tratti mi hanno ricordato i The Cure e anche gli A Perfect Circle).Questo cd più che un album è un vero e proprio viaggio all’interno delle sonorità e delle esperienze di questa band ormai tra le più longeve in Italia. All’interno del cartonato citato in partenza, troviamo anche un dvd che contiene varie chicche… Dal clip di un brano contenuto all’interno dell’album (The Fracture) al making of del video stesso (prova ulteriore di quanto questo lavoro sia sentito).Un plauso và anche alle sezioni come la photogallery (vari shoots della band inerenti all’album stesso) e anche a quella dei live,che essendo date all’estero, potrebbero rappresentare una sorta di regalo a quei fans che non potevano esserci. Posso tranquillamente dire che questo lavoro presenta un sound classico, certo, ma allo stesso tempo si mette alla prova con elaborazioni che non faranno storcere il naso a chi ama il death più classico, sia quello più sperimentale.

Track by Track
  1. The Origin 70
  2. Prologue 70
  3. Fuck Face 70
  4. Corpses Forever 70
  5. The Artist 65
  6. Save My Anger 65
  7. Calling Our Names 70
  8. After The Show 70
  9. The Fracture 70
  10. Away From The Flock 65
  11. Where I Shall Go From Here? 70
  12. Walk Through Fire 70
  13. In Retrospective 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
71

 

Recensione di Burning Soul » pubblicata il --. Articolo letto 1230 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.