Phaenomena «The Praise Of Madness» (2008)

Phaenomena «The Praise Of Madness» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Night Wolf »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
893

 

Band:
Phaenomena
[MetalWave] Invia una email a Phaenomena [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Phaenomena [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Phaenomena [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Phaenomena

 

Titolo:
The Praise Of Madness

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Pasquale Barile: Keyboards
Fausto De Bellis: Guitars
Luca Galantino: Guitars
Michele Iuso: Bass
Stefano Sbrignadello: Vocals
Giovanni Semeraro: Drums

 

Genere:

 

Durata:
1h 4' 36"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2008

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Finalmente è uscito, ci hanno messo un po’ ma alla fine i Phaenomena sono riusciti a debuttare con “The Praise Of Madness”. Va bene che l’ attesa è stata abbastanza lunga, il disco è stato registrato nel 2003 e concluso cinque anni dopo ma ne è valsa la pena perché in complesso il full lenght è un qualcosa di veramente piacevole. Premetto che agli amanti di atmosfere Gothic e Prog, “The Praise Of Madness” piacerà tanto, potremmo dire che il disco è una sorta di Elettro Gothic Rock. Per rendere la cosa più comprensiva, miscelate un sound in stile Depeche Mode o Goblin ad uno più heavy come Type O Negative o Paradise Lost (solo sul piano musicale e strumentale, discorso a parte per il cantato), il risultato sarà la musica proposta dai Phaenomena. “The Praise Of Madeness” è un concept album ispirato a “L’ elogio della follia” di Erasmo da Rotterdam; molti brani superano i cinque minuti, addirittura potremmo considerare “Recollection In Tranquillity” e “The Frenetic Triad” dei veri e propri requiem. Molto interessante è l’ accostamento dei synth alle sei corde, già ascoltando le prime due tracce del platter noterete questa vena elettronica che vi accompagnerà per tutto il disco. “The Praise Of Madness” è un disco abbastanza sperimentale, varie sono le chicche presenti nell’ album: da suoni elettronici a massicci riff di chitarra in stile Rock anni 70 per finire con un cantato molto Power che ricorda quello dei Gamma Ray o dei Vision Divine. Detto ciò, non posso che consigliare l’ ascolto di questa fatica dei Phaenomena, chiaramente anche questo è un disco per orecchie ben allenate, chi non è abituato a questo tipo di sonorità sarà destinato a sorbirsi un concentrato di suoni da fargli accartocciare l’ udito; insomma “The Frenetic Triad” dura più di quattordici minuti, ed una canzone molto tecnica, sfido io chi non ha mai ascoltato un disco del genere.
“The Praise Of Madness” è un disco di gran valore, spero solo che i Phaenomena continuino cosi e non si perdano per la via perché sarebbe davvero un peccato.

Track by Track
  1. Pallade's Whim 75
  2. Awakening 75
  3. Overture 70
  4. Incipit Delirii 65
  5. Recollection in Tranquillity 90
  6. Mistress of Insanity 70
  7. Erasmus's Rest 80
  8. The Frenetic Triad 90
  9. Instrumad 75
  10. The Praise of Madness 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 90
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
79

 

Recensione di Night Wolf » pubblicata il --. Articolo letto 893 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.