Pavic «Unconditioned» (2009)

Pavic «Unconditioned» | MetalWave.it Recensioni Autore:
June »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
811

 

Band:
Pavic
[MetalWave] Invia una email a Pavic [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Pavic [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Pavic

 

Titolo:
Unconditioned

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Chris Catena :: Vocals
Marko Pavic :: Guitars
Aleks Ferrara :: Bass
Lorenzo Antonelli :: Keyboards
Marco Madonia :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
51' 12"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
2009

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I Pavic sono il gruppo del chitarrista solista Marko Pavic il quale si è occupato della scrittura di questo disco, “Unconditioned”, che punta molto in alto, ambizioso, rischiando in più punti di fare il proverbiale passo più lungo della gamba, finendo con assecondare piste che non sempre rendono la proposta vincente.
Sulla produzione sonora mi dilungherò poco, è davvero ricca di toni, potente e fragorosa, altamente professionale ed è forse il punto più importante del disco, senza la quale mancherebbe anche di un approccio coinvolgente.
La prima cosa che si nota è proprio l'aggressività, nonostante ci si muova in un genere tra il metal melodico e l'hard rock. La sezione ritmica pesta con incisività le chitarre sono corpose e vibranti, contrappuntate da suoni di sintetizzatore distorto e acido che creano un impasto che evoca modernità, sebbene i riff puntino rimanere saldi su classiche soluzioni heavy.
Buona parte del disco se la gioca così: impatto e classicità, risultando abbastanza immediato, ma anche rodato nelle atmosfere che per quanto smaccatamente “hard” mirano a sonorità A.O.R., quindi melodiche ed enfatiche quando non pompose, naturalmente non troppo originali; notare che le tracce durano all'incirca lo stesso minutaggio la dice lunga sulle soluzioni utilizzate.
Naturalmente le capacità dei singoli strumentisti sono fuori discussioni, offrono una prestazione d'acciaio inattaccabile; ovviamente la parte da leone la fa la chitarra soprattutto nelle variazioni soliste, non sempre cerebrali, anzi, ben inserite e sempre a proposito. Citerei per questa categoria
l'opener “Miracle Man” e la sostenuta “Ride N' Run”.
Rimango un po' interdetto però quando noto che in mezzo a tante colate metalliche, che seppure non troppo innovative fanno la loro bella figura, si presentano delle vere e proprie proposte per una “hit single”, una strizzata d'occhio verso la rapida fruibilità di alcune tracce. Il singolo “Just Go On”, della quale è disponibile anche il videoclip, non è la traccia più accattivante, ma la più ruffiana e non accaso ospita addirittura la chitarra degli Europe e degli Easy Action Kee Marcello (questa è pura ambizione!). Anche “This World” con suoni di chitarra e basso funk fanno tornare alla mente band come gli U2 in alcuni passaggi, salvo l'arrivo del ritornello in pieno stile Hard n' Heavy. Questa degli innesti funk non è un caso isolato anche “Hidden Sorrow” utilizza questa tecnica per risultare più facilmente comprensibile, ma in questo caso l'energia espressa trionfa.
Il delicato episodio finale rimarca sulla ordinarietà della proposta: chitarre acustiche, senza batteria, voce struggente e venature di hammond per colorire il tutto.
Non che manchi di spunti piacevoli, ma oltre a risultare spesso un po' prolisso e ridondante, le varianti “pop” lasciano l'amaro in bocca, dando la sensazione di ascoltare una proposta mirata per un certo pubblico un po' distratto.

Track by Track
  1. Miracle Man 60
  2. Trapped 55
  3. Just Go On 50
  4. Ghost In A Trash Machine 65
  5. Creep 65
  6. Fallin For Love 55
  7. This World 60
  8. Unconditioned Love 55
  9. Ride N Run 65
  10. True Sincerity 55
  11. Hideen Sorrow 60
  12. Your Love Is Shining 50
  13. S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 60
  • Tecnica: 75
Giudizio Finale
61

 

Recensione di June » pubblicata il --. Articolo letto 811 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.