Nameless Crime «Nameless Crime» (2003)

Nameless Crime «Nameless Crime» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Belial »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
2332

 

Band:
Nameless Crime
[MetalWave] Invia una email a Nameless Crime [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nameless Crime [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Nameless Crime

 

Titolo:
Nameless Crime

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Marco Ruggiero - guitars
Alessandro Tuccillo - rhythm guitars
Raffaele Lanzuise - bass
Fabio Manda - Vocals

 

Genere:

 

Durata:
45' 28"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2003

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Ed ecco che mi scende la lacrima :°) questo gruppo signori e signore metallers e' uno dei migliori che ho sentito nell'underground, senza contare che hanno fatto un tributo ai Manowar (Hail and Kill -ndr-, e mi riscende la lacrima xke' e' stato il primo gruppo che sentii da fanciullo metallaro), track by track sarebbe devastante e mi ripeteri nei complimenti cosi' cerco di generalizzare, track allucinanti con un sound trascinante sezioni di batteria come in "Last Tears of the Blind" che portano i pezzi in un saliscendi epico, armonie di chitarra stupende con un virtuosismo veramente buono..
Che Thrash signori :D quando faccio queste recensioni mi infervoro un boato e distruggo meta' camera... ma ritorniamo a noi, pezzi come Raiways on the End e l'omonimo Nameless Crime fanno denatore come il gruppo sia versatile nella sua orientazione Thrash Power senza mai troppo calcare l'una o l'altra influenza, ho cercato di reperire i testi su internet ma non e' stato possibile ma per quel che ho capito, non ci troviamo difronte al solito gruppi "uccidiamo i draghi trombiamo le vergini regine" un gruppo maturo un gruppo molto buono e un gruppo di cui saro' felice di seguire i progressi e le uscite..
Devo fare un appunto e una lode per il pezzo "The sign of your pain" la parti di Ruggiero e Sorrentino che sono fantastiche in questo pezzo, nei miei piu' reconditi sogni sento sempre una predisposizione Death nei chitarristi e rimarrei sorpreso e felice di sentire che in futuro questo gruppo possa avvicinarsi un po' al Death tralasciando magari il Power :)
Pero' non posso far altro che fare i miei complimenti.. AND NOW FEAR AND SORROW STAY METAL

Track by Track
  1. Neuropathy 80
  2. Last Tears of The Blind 85
  3. Psycho Mad 85
  4. Nameless Crime 90
  5. Railways to The End 90
  6. The sing of Your Pain 85
  7. My Rapture 90
  8. Devil May Cry 85
  9. Bonus Track 80
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 85
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
85

 

Recensione di Belial » pubblicata il --. Articolo letto 2332 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.