Onicectomy «Maniacal Epidemy» (2008)

Onicectomy «Maniacal Epidemy» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1188

 

Band:
Onicectomy
[MetalWave] Invia una email a Onicectomy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Onicectomy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Onicectomy

 

Titolo:
Maniacal Epidemy

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Valextreme :: chitarra
BrutalJohn :: batteria
Savino Sodomizator :: voce
Kappa :: basso

 

Genere:

 

Durata:
18' 42"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2008

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Poteva essere un bellissimo demo, questo degli Onicectomy, che dovrebbe essere il secondo, e la cui band è nata dallo scioglimento dei Bleeding Shrine, ma lo è solo per una parte, purtroppo.
Gli Onicectomy con questo demo ci propongono 6 brani di Brutal Death/Grind che si rifanno forse ai Cannibal Corpse più orientati verso il grind, ma senza disdegnare delle parti e dei rallentamenti hardcore, che rendono la struttura molto più fruibile, come in effetti si nota bene a “Involved into disembowelment” e “Elettroshock Therapy”. Completano il quadro un batterista dalle capacità mostruose, molto veloce e preciso, una voce che non si riduce ad essere un cantato monocorde e senza significato, ed anche alcuni arrangiamenti che rendono alla perfezione le capacità del gruppo. Ottimi a tal proposito alcuni stop ‘n go.
Ma allora il problema che ha compromesso il voto alto agli Onicectomy dove sta? Semplice: nella produzione! Non si sa per qual motivo, ma in questo demo il suono è costituito per buoni tre quarti dalle sole batteria e voce. Il resto c’è, ma o sta comunque non in primo piano, oppure non si capisce, e questo è il caso di ogni parte veloce. Non solo: per una sequenza di cose incredibili, le chitarre si sentono poco e nulla, però gli armonici che i chitarristi fanno sì, e questo rende a questo punto le canzoni di difficile fruibilità. Il tutto non si traduce in una cattiva recensione, perché comunque gli Onicectomy anche così riescono a tirare su una certa quantità di violenza dalle loro canzoni, anche grazie al fatto che questo genere musicale non poggia, fortunatamente, del tutto sui giri di chitarra.
Insomma, sufficienza e poco più per gli Onicectomy, ma rimane l’amaro in bocca perché se questo demo avesse avuto le chitarre più alte, gli avrei dato anche 10 o 15 voti in più, e invece ci ritroviamo con questo suono da Anal Cunt che onestamente a un certo punto rende le canzoni difficili da sentire. Peccato.

Track by Track
  1. Necropedophile Psichiatrist 62
  2. Psychopathic rotten corpse agressor 63
  3. Suffocating massacre 62
  4. Involved into disembowelment 65
  5. Elettroshock Therapy 65
  6. Trapped into a StraightJacket 64
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 50
  • Qualità Artwork: 0
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
57

 

Recensione di Snarl » pubblicata il --. Articolo letto 1188 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.