Arsea «Dreaming a New World» (2008)

Arsea «Dreaming A New World» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Madhatter »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
865

 

Band:
Arsea
[MetalWave] Invia una email a Arsea [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Arsea [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Arsea [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Arsea

 

Titolo:
Dreaming a New World

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Riccardo Curti - Drums
Giorgio Piermattei - Bass
Enrico Fucci - Lead Guitar
Alessio di Clementi - Rythm Guitar
Alessandro D'Arcangeli - Vocals

 

Genere:

 

Durata:
37' 45"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2008

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Dunque, premetto che già mi era capitato di ascoltare gli Arsea in precedenza, e da loro ero rimasto positivamente colpito per via della loro espressività che andava dai toni cupi e acquei del sentimento fino al ribollire della rabbia latente. Ecco, proprio nella recensione del “Promo 2008” mi ricordo che parlai di “acqua e fuoco”come metafora di quanto detto sopra, proprio per ad indicare la dualità presente in questo gruppo, che in alcune canzoni era sbilanciata da una parte e nelle altre parti sbilanciata dall’altra. Ecco, nel disco invece sono presenti le stesse canzoni del promo più altri inediti, e devo dire che nel complesso il lavoro risulta più equilibrato. Faccio un riassunto per coloro i quali non avessero letto la recensione precedente : gli Arsea sono un gruppo di Soriano del Cimino che propongono un hard rock/metal con tinte melodiche piene di sentimento, alternando queste parti con parti più aggressive e dirette (“Over My Dream” e “Sweet Memory”). Il culmine del disco è rappresentato da “Sweet Memory” dove melodia e ritmicità comperano al fine di creare una tela ipnotica dalla quale è difficile non rimanere incastrati. A parte ciò, non è facile descrivere con le semplici parole ciò che la loro musica è in grado di evocare, in parte grazie alla perizia dei chitarristi (vivi complimenti al solista) e in parte all’interpretazione sentita del cantante, senza voler nulla togliere agli altri strumentisti che però perdono qualcosa in termini di efficacia, per via di un suono –che forse è intenzionalmente- un po’ grezzo che fa perdere qual cosina all’impatto generale delle canzoni. Nonostante questo però, le canzoni sono sempre ben fatte e sarà raro che non vi rimangano impresse, e nondimeno il curriculum dei nostri è quanto mai promettente visto che la loro biografia ci ricorda che sono stati chiamati a rappresentare il nostro paese al famoso Metal Camp in Slovenia! Dunque, questo gruppo è un gioiellino del nostro Bel Paese, un gioiellino che va tenuto stretto e mostrato con orgoglio ai connazionali e agli altri paesi!

Track by Track
  1. Intro 65
  2. Over My Dream 80
  3. Algorithm of Life 80
  4. Incandescente 90
  5. The Regret 75
  6. Dreaming a New World 85
  7. Sweet Memory 92
  8. Unhoped For 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 82
Giudizio Finale
80

 

Recensione di Madhatter » pubblicata il --. Articolo letto 865 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.