Nowhere «Try to Catch It» (2008)

Nowhere «Try To Catch It» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Barbaro »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
948

 

Band:
Nowhere
[MetalWave] Invia una email a Nowhere [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nowhere [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nowhere [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Nowhere [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Nowhere

 

Titolo:
Try to Catch It

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Ank – vocals, rithm
Manuel – drums
Luca – Lead
Claudio – bass

 

Genere:

 

Durata:
29' 31"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2008

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I Nowhere hanno un sound riconducibile molto direttamente ai Metallica, soprattutto per la timbrica del cantante che a volte si fa fatica a distinguere dall'originale Hetfield.
Va detto però che il sound è più aggressivo e la batteria non suona come le padelle della nonna di Ulrich.
Dopo l'intro arriva Charley's Ballad decisamente un bel pezzo d'apertura, una midtempo aggressiva in puro thrash.
Yestarday story non convince allo stesso modo della prima, soprattutto per la voce di Ank che in questo pezzo sembra più affaticata. Di ciò ne risente anche il brano che alla lunga annoia. Bello l'intro ma poi divaga troppo e stanca.
Hey Baby torna sulla retta via, parte aggressiva e continua sulla linea.
Reach the Sky dopo il bell'impatto iniziale non mi dà altrettante buone sensazioni, sembra esplodere solo a tratti.
Dark, è divisa in due parti. La prima è micidiale: giro di basso e chitarra che fa il verso a Zakk Wylde. Veramente un bel pezzo, trascinante e potente. Il refrain entra facilmente in testa e davanti agli occhi si materializzano headbangers e slamdancers... La seconda parte inizia con un lungo midtempo strumentale e si conclude con un fade out che funge da collegamento al futuro. Bella trovata.
Nel complesso Try to Catch It è un lavoro di buona fattura, con una buona resa dei suoni e originalità nel songwriting, in sostanza un buon aperitivo per un eventuale full lenght.
Bella l'idea della cover, anche se secondo me sarebbe stata più efficace se fosse stata elaborata diversamente la resa grafica. Niente da dire sulla produzione che è di alto livello, come dicevo sopra.

Track by Track
  1. Charley's Ballad 70
  2. Yesterday Story 65
  3. Hey Baby 70
  4. Reach the Sky 65
  5. Dark pt. 1 85
  6. Dark pt. 2 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 65
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
73

 

Recensione di Barbaro » pubblicata il --. Articolo letto 948 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.