Icon of Hyemes «Gift» (2001)

Icon Of Hyemes «Gift» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Heresy »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1339

 

Band:
Icon of Hyemes
[MetalWave] Invia una email a Icon of Hyemes [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Icon of Hyemes [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Icon of Hyemes

 

Titolo:
Gift

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Pillo - voce
Luca - chitarra solista
Vincio - chitarra ritmica
Luca - basso
Matteo - batteria

 

Genere:

 

Durata:
23' 0"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2001

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Quello che mi appresto a recensire è il primo demo dei bolognesi Icon of Hyemes, datato 2001; nel frattempo è uscito un secondo demo dal titolo "Unpopular" che davvero vorrei ascoltare! La band inoltre suonerà prossimamente dal vivo insieme ai Vader a Porto d'Ascoli. Per quanto riguarda questo "Gift", il genere proposto è fondamentalmente death metal che racchiude però delle influenze tra le più disparate, in primis il gothic oltre a Cradle of Filth, Iron Maiden e a tratti anche qualcosa dei Dissection... La prima traccia è una intro strumentale arpeggiata, molto bella, e ci introduce alla successiva "As burning within" che dà subito un'idea della proposta e delle potenzialità del gruppo: death melodico alla svedese con bei fraseggi di chitarra, assoli di heavy metal classico e per di più il coro alla Iron Maiden nel ritornello! Il terzo pezzo supera i sette minuti di durata e risulta secondo me il migliore del disco, contiene ritmiche tipicamente thrash ed è piuttosto vario e coinvolgente. Un po' sottotono rispetto alle altre è la quarta traccia, mentre l'ultima "Revelation" è parecchio ben riuscita. A penalizzare questo demo sono a mio avviso la produzione e la registrazione, il suono della batteria è a volte potente e altre volte quasi scompare in un mixaggio abbastanza infelice, il basso si sente un po' troppo (mentre di solito avviene l'esatto contrario...), e anche il mixaggio della voce risulta piuttosto confuso, ma per il resto le idee ci sono, e delle influenze così varie riescono a rendere i pezzi dinamici e piacevoli e a tener viva l'attenzione dell'ascoltatore!

Track by Track
  1. The fragile entity 70
  2. As burning within 75
  3. Cursed menfolk 80
  4. Path of torture 70
  5. Revelation (dawn of the kindred) 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
75

 

Recensione di Heresy » pubblicata il --. Articolo letto 1339 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.