Anek «5439» (2008)

Anek «5439» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Machinesofhate »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
572

 

Band:
Anek
[MetalWave] Invia una email a Anek [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Anek [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Anek [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Anek

 

Titolo:
5439

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Shane (voc/guitar)
Dave (guitar)
Jan (bass)
Rocklee (drums

 

Genere:

 

Durata:
12' 36"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2008

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Come sappiamo bene, la scena underground italiana offre parecchie band ricche di originalitą e carisma, con testi superlativi e tecnica compositiva elevata.
L'italia č divisa in 2 parti: il Nord si incentra prevalentemente sul metal/hardcore, mentre il Sud sul Rock/power/Thrash.
Ora abbiamo un gruppo proveniente dal tacco italiano, ossia gli ANEK, leccesi in dettaglio, appena usciti con la loro prima demo chiamata "5439".

Inutile girarsi intorno, lo stampo musicale di questi ragazzi č prettamente incentrato sulle sonoritą dei ben piu famosi 30 seconds to Mars, lo si puo notare gia dalla prima canzone "broken", dove il leader del gruppo Shane segue le stesse linee vocali di Jared Leto, e gli strumenti scoppiazzano qua e la cercando un feeling con questa nuova ondata di Rock moderno. Stessa proposta l'abbiamo con Heroes, inutile prolungarsi eccessivamente, il riff iniziale ricorda troppo la band statunitense.
Con la terza e ultima song invece i nostri cantano in italiano, canzone leggermente diversa dalle precedenti, abbiamo uno stile piu vicino al Punk/Pop italiano. La parte iniziale ricorda parecchio i Finley, ma possiamo trovare dei particolari personali durante la strofa, con chitarre che seguono le linee vocali in maniera molto atmosferica.

Inutile dire che ci troviamo davanti a una band con pochissima originalitą, troppe similitudini con gruppi di un certo spessore, per fuoriuscire dall'underground bisogna avere proposte originali e ahimč questi ragazzi non le hanno.
La produzione non č delle ottime, ma su questo non vengono accusati, ci mancherebbe.
Rimandati al prossimo lavoro.

Track by Track
  1. Broken 40
  2. Heroes 40
  3. Ogni Volta Che 55
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 40
  • Qualità Artwork: 50
  • Originalità: 20
  • Tecnica: 60
Giudizio Finale
44

 

Recensione di Machinesofhate » pubblicata il --. Articolo letto 572 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.