Gabriele Bellini «De Revolutionibus Orbium Celestum» (2008)

Gabriele Bellini «De Revolutionibus Orbium Celestum» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1389

 

Band:
Gabriele Bellini
[MetalWave] Invia una email a Gabriele Bellini [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Gabriele Bellini [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Gabriele Bellini [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Gabriele Bellini [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Gabriele Bellini [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Gabriele Bellini

 

Titolo:
De Revolutionibus Orbium Celestum

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
All Guitars :: Gabriele Bellini
Bass :: Gabriele Bellini, Daniele Pieraccini, Jonathan Cencini, Andrea Bartoletti.
Drums :: Lorenzo Buscioni, Ross Lukather, Adriano Tognarini.
Piano :: Franco Poggiali Berlinghieri.
Violin :: Ilaria Pesci.

 

Genere:

 

Durata:
54' 34"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2008

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Dopo Hyaena, Ammagamma, Ritmenia Zoo, Artelettrica, Dinamo, Shining Fury, G.B. Band Project e altre innumerevoli ed importanti collaborazioni il guitar hero Gabriele Bellini torna con uno strepitoso progetto solista dal titolo “De Revolutionibus Orbium Celestum” in cui sono le sue chitarre a dettare legge con dello sperimentale che mette paura !!!

Tutto sembra al posto giusto: dalll’uso dell’elettronica c(hemi è sembrato ottimo e riuscito in modo splendido), alle melodie intersecate delle chitarre, alla produzione in toto.

Un full-lenght veramente pieno di sorprese. Non si fa in tempo ad abituarsi ad una delle sue musiche che immediatamente il pezzo viene stravolto e arrangiato in modo spettacolare.

Mi sono piaciute molto le strutture delle singole canzoni e le corte tracce che fungevano da intro per quelle successive. Ho ammirato molto l’intera fatica di Gabriele Bellini, conosciuto, come dicevo poc’anzi, per le sue numerosissime collaborazioni, senz’altro molto interessanti.

Avendo avuto modo di ascoltare “De Gustibus Orbium Celestium” mi sono reso conto che la sperimentazione intelligente e costruttiva (che tocca molte influenze..dall’elettronica al progressive rock dei bei tempi che furono) ancora esiste..e merita applausi e rispetto !

Perciò.. grande Gabriele Bellini!! Continua così !!!

Track by Track
  1. Sensation Seeker 80
  2. Fluxus (Enter) 70
  3. Out 75
  4. Elevation (Polyphemus) 65
  5. Hyperman (Strato's Follia 70
  6. Phenomenon 75
  7. Evolution 77
  8. Lumi 80
  9. De Revolutionibus Orbium Celestium 90
  10. Celebration Day 85
  11. Next Generation 70
  12. Quiet Attack 72
  13. Nativity 75
  14. Indipendent 60
  15. Fadin' Away 75
  16. Fluxus (Exit) 70
  17. Deep Space 70
  18. World Breath 78
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 88
Giudizio Finale
75

 

Recensione di Carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 1389 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.