Stillness Blade «The First Dark Chapter (Misanthropic Elevation) » (2007)

Stillness Blade «The First Dark Chapter (misanthropic Elevation)» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Carnival creation »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1188

 

Band:
Stillness Blade
[MetalWave] Invia una email a Stillness Blade [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Stillness Blade [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Stillness Blade [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Stillness Blade

 

Titolo:
The First Dark Chapter (Misanthropic Elevation)

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Max Schito :: Vocals and Guitars
Gianpaolo Marsano :: Bass and Backing Vocals
Antonio Donadeo :: Drums

 

Genere:

 

Durata:
35' 8"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2007

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Voci cavernose, chitarre taglienti e un drumming velocissimo ma soprattutto tanta ma tanta violenza musicale, quella violenza che tanto ci piace ascoltare, soprattutto se fatta e concepita a dovere.
Ed il progetto Stilness Blade, con un demo (SoulBlinger pt.1) all’attivo datato 2004, appare studiato ed eseguito alla perfezione in quel suo Brutal Death tecnico quanto basta e sanguinario come pochi ne abbiamo visti ma uno dei tratti essenziali dei nostri è senza dubbio quella tecnica ritmica che, comunque sia, manca alla maggior parte delle band in circolazione, che lo si voglia o no.
Voglio sottolineare che i nostri lasciano comunque spazio alla sperimentazione di piccole parentesi di “relax uditivo” poste qua e là nel disco, immagino per cercare di non creare quel continuum sonoro che alle lunghe stufa talmente tanto da far etichettare il disco come “noioso”. Mossa da maestro.
L’album mi è piaciuto molto e l’ho ascoltato più di una volta con passione, devo dire, mi ci sentivo proprio preso per tutta una serie di ragioni che vanno da quelle puramente musicali del genere in questione a quelle più di parte visto che adoro il Death così brutale nei contenuti, ripeto, se fatto in maniera decente da riuscire a consentire l’ascolto.
La produzione è senz’altro ottima e lascia trasparire una certa dose di esperienza da parte dei musicisti in questione; da citare è senz’altro la presenza di Antonio Donadeo alla batteria (Vital Remain)..e si sente dal tocco così preciso e martellante.
Non resta che augurare le mie “tante belle cose” alla band sperando in un roseo futuro !!! Ottimo lavoro !!!

Track by Track
  1. The Awakening Towards Death 65
  2. Sleep Of The Vile 75
  3. The Cold Dagger's Blade 75
  4. Tomb Of Soul 90
  5. The Half-Redemption 65
  6. The Stake Of Sorrow 85
  7. The Messenger Of Lost Hate 90
  8. Misanthropic Elevation 89
  9. The Deceptive Quiet 65
  10. Stock Of Vegeance [Bonus Track] 72
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 85
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
79

 

Recensione di Carnival creation » pubblicata il --. Articolo letto 1188 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.