Exalt Cycle «Exalt Cycle» (2006)

Exalt Cycle «Exalt Cycle» | MetalWave.it Recensioni Autore:
MaRcORoTTeN »

 

Recensione Pubblicata il:
--

 

Visualizzazioni:
1370

 

Band:
Exalt Cycle
[MetalWave] Invia una email a Exalt Cycle [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Exalt Cycle [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Exalt Cycle [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Exalt Cycle [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Exalt Cycle [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Exalt Cycle [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina ReverbNation di Exalt Cycle [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina SoundCloud di Exalt Cycle

 

Titolo:
Exalt Cycle

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Zack - voce
Wolverine - chitarra
Andrea - basso
Balo - batteria

 

Genere:

 

Durata:
28' 2"

 

Formato:

 

Data di Uscita:
2006

 

Etichetta:

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Eccoci di fronte ai milanesi Exalt Cycle, che con questo promo omonimo ci propongono 10 tracce di sano e cattivo crossover da loro stessi definito "politically uncorrect". Fin dal primo ascolto del cd possiamo evincere quali possano essere le influenze che formano il background della band. I Rage Against The Machine la fanno da padrone specialmente per quanto riguarda le ritmiche e alcune parti del cantato, ma i nostri si rifanno anche ad un metalcore classico da cui riprendono molti riff e melodie vocali. Questa ultima caratteristica possiamo chiaramente notarla nella terza traccia del promo, Soldier Child...forse uno degli episodi più riusciti del cd dove per l'appunto la voce abbandona il crossover per concentrarsi su un ritornello melodico molto valido. Nella seguente Anty-Mith troviamo gli echi dei Limp Bizkit specialmente nell'arpeggio di chitarra della strofa. Molto valida anche Rising, canzone ricca di groove e cattiveria dove emergono le capacità strumentali e compositive della band che comunque non si limita ad un crossover spicciolo e scontato, ma mischia le carte inserendo elementi originali e nuovi per il genere. Stesso discorso per la seguente Digger. Ho quindi di fronte un prodotto molto valido, egregiamente suonato e registrato con una qualità di alto livello che speriamo dia alla band la visibilità che merita.

Track by Track
  1. Intro 70
  2. U Got Served 70
  3. Soldier Child 75
  4. Anti-Myth 70
  5. Naked Think 67
  6. Monk (Instrumental) 75
  7. Monkey 65
  8. Rising 78
  9. Digger 70
  10. Nothing Control 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 68
  • Originalità: 70
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
72

 

Recensione di MaRcORoTTeN » pubblicata il --. Articolo letto 1370 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.