Frank&Stein «Vaccinated with Alcohol» (2021)

Frank&stein «Vaccinated With Alcohol» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
10.05.2024

 

Visualizzazioni:
120

 

Band:
Frank&Stein
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Frank&Stein

 

Titolo:
Vaccinated with Alcohol

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Francesco Andrei :: All instruments and songs

 

Genere:
Dark Electro Pop / Rock

 

Durata:
34' 3"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
01.06.2021

 

Etichetta:
M.A. Production
[MetalWave] Invia una email a M.A. Production [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di M.A. Production [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di M.A. Production

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Frank&Stein è un progetto solista di Francesco Andrei, che con questo “Vaccinated with alcohol” arriva al suo nuovo full length (il quarto presumo, a giudicare dalla discografia mostrata su bandcamp) e che consiste in poco più di 34 minuti di un gothic rock che dal punto di vista musicale deve molto, se non tutto, ai Sisters of Mercy. Niente di male in questo, visto che riportare in auge certe sonorità vintage non fa mai male e comunque non ci sono molti che fanno questo genere in Italia.
Purtroppo, però, ciò che zavorra “Vaccinated with alcohol” è il fatto che sinceramente all’ascolto appare evidente che oltre una certa emulazione pedissequa non si va. Siamo sicuri che Francesco Andrei suona questi brani in ammirazione del combo inglese, ed è giusto così, ma i brani suonano in maniera abbastanza incolore e senza né infamia né lode, limitandosi a rifare il verso e poco più. Certo, ogni tanto c’è qualche richiamo ai Tears for Fears in “Stars”, ma il punto di riferimento resta quello, inamovibile. Con forse qualche lungaggine di troppo all’inizio di alcuni brani. E non aiutano ben quattro brani strumentali solo per tastiera e poco più, difficilmente comprensibili.
Poco da dire, dunque: “Vaccinated with alcohol” è carino, ma lascia anche il tempo che trova, frutto di una mente compositiva senz’altro devota, ma che davvero non riesce a liberarsi dai propri numi tutelari. Non imprescindibile.

Track by Track
  1. Il marchio di dracula - Intro S.V.
  2. Stars 60
  3. Phibes - Intermezzo S.V.
  4. Frozen blood 60
  5. From the gorgo - Intermezzo S.V.
  6. Chains of blood 55
  7. Find the ghost 55
  8. Galaxy horror - Outro S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 60
  • Qualità Artwork: 60
  • Originalità: 40
  • Tecnica: 60
Giudizio Finale
56

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 10.05.2024. Articolo letto 120 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.