Nocturna «Of Sorcery And Darkness» (2024)

Nocturna «Of Sorcery And Darkness» | MetalWave.it Recensioni Autore:
reira »

 

Recensione Pubblicata il:
01.03.2024

 

Visualizzazioni:
135

 

Band:
Nocturna
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nocturna [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Nocturna [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Nocturna

 

Titolo:
Of Sorcery And Darkness

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Grace Darkling – voce
Rehn Stillnight – voce
Hedon – chitarra
Antares – basso
Deimos – batteria

 

Genere:
Gothic-Symphonic / Power Metal

 

Durata:
38' 0"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
19.04.2024

 

Etichetta:
Scarlet Records
[MetalWave] Invia una email a Scarlet Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Scarlet Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Scarlet Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

I Nocturna tornano a calcare la scena con un nuovo album in uscita per aprile, grazie al successo del precedente ‘Daughters of the Night’ le aspettative e la curiosità per questa nuova fatica sono alte.
I testi di ‘Of Sorcery And Darkness’ hanno una vena elegante che risulta essere perfettamente coerente con la proposta in musica della band e le voci di Grace Darkling e Rehn Stillnight.
Un assaggio di questa novità lo potete già avere attraverso l’ascolto di Seven Sins di cui parleremo un pò meglio più avanti, ora però passiamo all’ascolto.

Si parte subito con una grinta pazzesca attraverso le note di Burn the witch: due voci femminili che si intrecciano creando una dinamica stimolante e impetuosa, dire quasi in perfetto stile power; Sapphire si rivela più melodica, soprattutto nell’apertura del ritornello, che la fa apprezzare sin dal primo ascolto.
Noctis Avem e Creatures of darkness sono delle vere bombe da palco, già dal loro inizio si comprende quanta energia sia racchiusa in ogni singola parola o nota presente, vanno dritte al punto con la loro energia.
Midnight sun è decisamente accattivante, ha un mood oscuro seppur carico di verve; First disobedience è un’intro particolare che ci porta dritti a Seven sins, primo singolo estratto che mostra appieno le capacità della band: il ritmo è incalzante, dinamico, senza che comunque venga accantonata quella vena orecchiabile che tanto da forza e spessore al chorus.
Through the maze è la song che, personalmente, ho apprezzato maggiormente, forse per la sfumatura gothic che la rende un pò stregata e misteriosa, sicuro è che ci mostra un altro lato dei Nocturna ed è qualcosa di affascinante che non lascia l’ascoltatore indifferente.
Eccoci a Strangers, un vero e proprio inno da battaglia o, meglio dire, da stadio in cui troviamo un ritornello semplice ma di impatto che potrebbe dare il via a un pogo pazzesco, questo è l’ennesimo esempio di come una canzone in studio dia un effetto, ma dal vivo potrebbe rendere cento volte di più.
Infine, Last day on earth, pezzo che ha il sapore di una ballad sebbene si riveli decisamente più ritmata, mantiene comunque un tono elegante e a tratti intimo, una piacevole conclusione.

Of Sorcery and Darkness è un’opera tecnicamente impeccabile ma non si tratta solo di ciò: all’interno di questo progetto troviamo talenti indiscutibili che hanno saputo unire le forze per creare qualcosa di potente e magico.
In questo senso, la loro musica ha sicuramente una forte componente melodica, come accennavo prima, ma non nel senso più comune del termine o quasi “dispregiativo” come spesso pensano i metallari più tosti e incalliti, bensì sotto un profilo più fresco e attuale.
È infatti qualcosa di piuttosto nuovo trovare due voci femminili al comando, aggiungiamo il fatto che abbiano timbri e personalità diverse ma che riescano perfettamente a intrecciarsi creando un equilibrio perfetto e appassionante.
Inoltre, ci troviamo davanti a un Federico Mondelli in ottima forma, sempre ricco di idee, che ci mette nuovamente tutto se stesso per coinvolgere l’ascoltatore in ogni suo progetto, facendo nuovamente centro.
Nei Nocturna troviamo musica coerente, potente e a tratti ammaliante, se ascoltiamo bene troviamo qualche traccia di gothic, non più quello di vent’anni fa solidamente influenzato dalle sonorità scandinave, ma qualcosa di più ricco e in linea con i tempi.
Unica pecca, se proprio dobbiamo cercare il pelo nell’uovo, è data dalla copertina piuttosto banale per un progetto così significativo ma è questione di gusti.
Che aggiungere? Probabilmente nulla se non che posso consigliare questa prossima uscita a occhi chiusi soprattutto se siete amanti del genere come me.

Track by Track
  1. Burn the witch 75
  2. Sapphire 75
  3. Noctis Avem 75
  4. Creatures of darkness 75
  5. Midnight sun 75
  6. First disobedience S.V.
  7. Seven sins 80
  8. Through the maze 80
  9. Strangers 75
  10. Last day on earth 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 55
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
73

 

Recensione di reira » pubblicata il 01.03.2024. Articolo letto 135 volte.

 

Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.