Kre^u «Kre^u» (2023)

Kre^u Kre^u | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
04.11.2023

 

Visualizzazioni:
118

 

Band:
Kre^u
[MetalWave] Invia una email a Kre^u [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Kre^u [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Kre^u

 

Titolo:
Kre^u

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- Graziano Pala :: Drums;
- Ignazio Cuga :: Bass, guitars;
- Filippo Mereu, Ignazio Cuga :: Vocals;

 

Genere:
Barbagia Black/Dark Metal

 

Durata:
36' 2"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
09.05.2023

 

Etichetta:
Autoproduzione

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Falce Press & Management
[MetalWave] Invia una email a Falce Press & Management [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Falce Press & Management

 

Recensione

Il proiettare le origini della propria terra all’interno di un genere musicale generalmente è compito arduo e prevalentemente difficile da materializzare; sostanzialmente, non a caso, diverse realtà nazionali hanno tentato l’esperimento riuscendoci sino ad un certo punto e comunque rivendicando le tradizioni di un tempo legate al culto dei morti e dell’aldilà, mondo tipicamente annesso all’esoterico e musicalmente al black metal. I sardi Kréu attraverso le storie e le radici della propria terra fanno un viaggio indietro nel tempo alla ricerca dell’origine della propria terra unificandone i misteri e le dure vite sottoposte alla natura violenta dove ebbero ad affrontarsi briganti, fuorilegge e tutti coloro che combatterono per la propria indipendenza ed individualità nel corso del periodo sabaudo. Stilisticamente, come sopra accennato, il disco offre un insieme di black e dark metal dai contenuti epici dove il cantato in lingua sarda viene esternato attraverso un mutabile clean spesso acerbo e rabbioso. Le sei tracce quindi si dispongono in un clima proteso alla ricerca della drammaticità, non privo di momenti accelerati, in cui i riff di chitarra e un onesto lavoro di batteria fanno tutto il resto. L’opener “Dae Una Losa Ismetigada” altro non è se non un lungo poema recitato in lingua sarda (inevitabilmente) in cui si rincorrono rumori di sottofondo, fruscii e quant’altro; segue poi “Nottùrnu”, una brano discretamente suonato ma che alla fine annoia un po’ per il sin troppo ripetitivo ritornello cantato; “Sa Morte ‘E Su Pastore” in cui si ravvisa un riff abbastanza coinvolgente, probabilmente uno dei migliori brani del platter; è poi la volta di “A Sos Antigos”, dove ancora una volta vengono rievocate le gesta degli antichi abitanti della Sardegna ma il brano a lungo andare remane più o meno sulla stessa linea compositiva senza particolari variazioni; “Ebbia Su Sambene”, brano molto impostato sulle linee black metal che assume quasi i connotati di un contesto sinfonico; conclude il platter “A Palas Non Torred” i cui contenuti si contestualizzano in un insieme di corali e spassionate urla quasi e rendere ancora più sinistro il tutto. Il lavoro è singolare per i contenuti anche scenografici e storicamente ricostruttivi, probabilmente un po’ troppo monotono in diverse sue parti estremamente risultate anche sin troppo lunghe all’ascolto; mentre per quanto concerne la parte strumentale, si apprezza per i suoi contenuti, mai blandi, ma piuttosto in alcuni tratti intriganti.

Track by Track
  1. Dae Una Losa Ismetigada S.V.
  2. Nottùrnu 65
  3. Sa Morte 'E Su Pastore 75
  4. A Sos Antigos 70
  5. Ebbia Su Sambene 65
  6. A Palas Non Torred 70
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 70
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 70
Giudizio Finale
70

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 04.11.2023. Articolo letto 118 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.