Deathless Legacy «Mater Larvarum» (2022)

Deathless Legacy «Mater Larvarum» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Snarl »

 

Recensione Pubblicata il:
03.11.2022

 

Visualizzazioni:
187

 

Band:
Deathless Legacy
[MetalWave] Invia una email a Deathless Legacy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Deathless Legacy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Deathless Legacy [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Deathless Legacy

 

Titolo:
Mater Larvarum

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Steva :: vocals
Sgt. Bones :: guitar
Alex van Eden :: keyboards
Deadwood Nick :: bass
Frater Orion :: drums
Revyla :: performances

 

Genere:
Heavy Metal / Gothic / Symphonic / Progressive Metal

 

Durata:
51' 34"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
09.12.2022

 

Etichetta:
Scarlet Records
[MetalWave] Invia una email a Scarlet Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Scarlet Records [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Scarlet Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Finalmente i Toscani Deathless Legacy riescono a fare un disco che mi convince pienamente. Dopo due album iniziali personalmente trascurabili, un terzo disco in miglioramento ma ancora di transizione e un quarto che promette bene, infatti, “Mater Larvarum” è il disco che mi convince della finalmente avvenuta maturazione dei DL. Col disco precedente, infatti, avevo più o meno detto che ciò che è avvenuto non è tanto un cambiamento del sound, quanto piuttosto un aggiustamento delle influenze della band, che pur con alcun piccoli difetti, era finalmente orientato nella direzione giusta. Bene: con “Mater Larvarum” la sostanza è la stessa, semmai corroborata da un gusto melodico e solista migliorati.
Stupisce infatti l’opener, “Ora pro nobis”, che rivela l’andamento molto gothic/rock/metal dell’album, più che horror, e con un ritornello mirabile che esce molto bene e da singalong. Da qui in poi si nota che i DL propongono un certo stile (senza divagare in influenze anomale come avveniva in passato), ma per fortuna lo variano nella quantità giusta tra brano e brano. Ne siano un esempio gli episodi più metal oriented di “Hollow” e “The coven”, che si alternano alla vagamente più prog oriented “Fade into the dark”, con tanto di assolo di tastiera in stile Jordan Rudess, senza dimenticare brani melodici e moody, ma non certo mosci, come “Absolution”, fino ad arrivare allo sfogo metal up tempo di “Run”, e alla notevole conclusione affidata alla title track, che tenta la carta del brano da colonna sonora, probabilmente tipo un ipotetico film sulla Quarta Madre di Dario Argento. E ci riesce, non c’è che dire. Ne risulta un album che scorre che è un piacere, devo dire: 51 minuti e mezzo, e non te ne accorgi. E questo sia per la vena melodica molto ispirata, ma anche perché secondo me i Deathless Legacy hanno non solo il merito di saper far bene la loro musica, ma anche perché lo stile qui proposto, questo Gothic a metà tra Rock e Metal, è uno di quei tipi di musica che piaceva, e che però fatica a tornare in auge perché pochi attualmente lo sanno fare bene, con risultati a volte troppo lagnosi, oppure troppo estranei al metal.
In conclusione, “Mater Larvarum” è la consacrazione personale dei Deathless Legacy, nonché un disco che collega molto bene la parola “Gothic” con la durezza e gli attributi necessari della musica Metal. Vi mancano i Death SS heavy metal degli anni 90? I Ghost li preferivate più tipicamente per metallari? Questo disco potrebbe fare al caso vostro.

Track by Track
  1. Ora pro nobis 80
  2. Nightfall 70
  3. Hollow 75
  4. Fade into the dark 75
  5. The coven 80
  6. Absolution 80
  7. Moonless night 75
  8. Queen of the infernal pantheon 75
  9. Altar of bones 80
  10. Run 80
  11. Mater larvarum S.V.
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 75
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
77

 

Recensione di Snarl » pubblicata il 03.11.2022. Articolo letto 187 volte.

 

Articoli Correlati

News
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.