Comando Praetorio «Sovvertire la Tirannia della Luce» (2022)

Comando Praetorio «Sovvertire La Tirannia Della Luce» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
01.07.2022

 

Visualizzazioni:
151

 

Band:
Comando Praetorio
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Comando Praetorio

 

Titolo:
Sovvertire la Tirannia della Luce

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
- F.A.K. :: bass;
- Ans :: guitars;
- L. Opfergeist :: guitars, drums;
- A.M. :: vocals;

 

Genere:
Apocalyptic Black Metal

 

Durata:
20' 38"

 

Formato:
EP

 

Data di Uscita:
22.04.2022

 

Etichetta:
ATMF
[MetalWave] Invia una email a ATMF [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di ATMF [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di ATMF [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di ATMF [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di ATMF

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
Nee-Cee Agency
[MetalWave] Invia una email a Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Nee-Cee Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Nee-Cee Agency

 

Recensione

I piemontesi Comando Praetorio, forti dell’uscita del loro album di debutto, decorsi ben tre anni di distanza, rilasciano questo Ep a due tracce che superano comunque i venti minuti di ascolto intitolato “Sovvertire la tirannia della luce”, un lavoro filosofico e allo stesso tempo lirico, ambientato in un contesto tenebroso ed infernale che rievoca non poco le influenze black metal della band. Il primo dei due brani intitolato “Dell’Oblio L’ombra Sidera”, parte in maniera tenebrosa e risulta grazie alla potenza dei riff e alla ritmica incondizionata deciso e dannatamente d’effetto se si tiene anche conto delle numerose varianti che lo caratterizzano; immancabili passaggi melodici e un growl in lingua madre tutt’altro che blando e scontato. A rendere al meglio la resa dell’Ep è anche l’ottima produzione che forgia anche nel secondo brano “Ritorna il buio dell’origine uranica” caratterizzato da passaggi più lenti e nefasti rispetto al suo predecessore forte anche di un ottimo lavoro delle tastiere di fondo; il brano in ogni caso conserva il proprio asso nella manica e non demorde concedendo all’ascoltatore anche vari passaggi più accelerati e determinati. In ogni caso, pur trattandosi di sole due tracce, la durata delle stesse può comunque offrire una compiuta idea del lavoro della band e, ovviamente, non possiamo far altro che suggerire l’ascolto di questo Ep trattandosi di un ottimo prodotto musicale di cui poter andare fieri.

Track by Track
  1. Dell’Oblio L’Ombra Siderea 75
  2. Ritorna Il Buio Dell’Origine Uranica 75
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 75
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 75
  • Tecnica: 80
Giudizio Finale
74

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 01.07.2022. Articolo letto 151 volte.

 

Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.