Killdozer «Seeds of Vengeance» (2021)

Killdozer «Seeds Of Vengeance» | MetalWave.it Recensioni Autore:
Wolverine »

 

Recensione Pubblicata il:
18.06.2022

 

Visualizzazioni:
179

 

Band:
Killdozer
[MetalWave] Invia una email a Killdozer [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Killdozer [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di Killdozer [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Killdozer [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina BandCamp di Killdozer

 

Titolo:
Seeds of Vengeance

 

Nazione:
Spagna

 

Formazione:
- Angel :: Vocals;
- Facu :: Guitar;
- David :: Guitar;
- Gonzalo :: Bass;
- Marco :: Drums;

 

Genere:
Thrash Metal

 

Durata:
35' 18"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
01.10.2021

 

Etichetta:
Rock CD Records
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Rock CD Records

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
---

 

Recensione

Influenzati da band quali Slayer, Testament ed Exodus, gli spagnoli Killdozer debuttano con sette tracce racchiuse in questo “Seeds Of Vengeance” e ciò che emerge sin da subito è una indiscussa grinta ed energia che talmente vasta per meritare quintali di elogi. Forte di un apparato ritmico di livello, i sette brani del disco, sei in definitiva tolta l’intro, non perdono un solo colpo tra riff potenti ed una ritmica da capogiro. Basti ascoltare la prima effettiva traccia dopo l’intro per capire cosa ci attenderà nel corso della successiva mezz’ora abbondante di ascolto e ovviamente il risultato non tarda a farsi aspettare; una vera forza della natura per trovarci dinanzi ad un debutto! “Deserve to Die” è una vera bomba ad orologeria, un brano pazzesco caratterizzato da un eccelso lavoro di chitarra; che dire anche della forza straordinaria di “Released From Suffering” che in qualche modo richiamo i ricordi sui Sepultura dei primi anni ’90; l’adrenalina non si placa neanche con l’ascolto di “Left To Die”, un classico thrash metal suonato in maniera impeccabile, preciso tecnico e dinamico al massimo; “Komatsu” si apre in maniera acustica per placare apparentemente la tempesta sin ora provocata dai Killdozer per poi incentrarsi su un’ennesima ritmica compatta in mid tempo; ottimo anche lo scream acido che rappresenta uno dei punti di forza dell’intero lavoro; il disco si chiude con “Desecrate His Corpse” altro pezzo energico al massimo tra riff imponenti e tantissima compattezza sonora. Un disco straordinario, ogni altro commento è superfluo.

Track by Track
  1. Ignition S.V.
  2. Killdozer's Hate 85
  3. Deserve To Die 85
  4. Released From Suffering 85
  5. Left To Die 85
  6. Komatsu 85
  7. Desecrate His Corpse 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 80
  • Qualità Artwork: 80
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
84

 

Recensione di Wolverine » pubblicata il 18.06.2022. Articolo letto 179 volte.

 

Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.