Secret Rule «The Resilient» (2022)

Secret Rule «The Resilient» | MetalWave.it Recensioni Autore:
reira »

 

Recensione Pubblicata il:
09.06.2022

 

Visualizzazioni:
451

 

Band:
Secret Rule
[MetalWave] Invia una email a Secret Rule [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Secret Rule [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Secret Rule [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il canale YouTube di Secret Rule

 

Titolo:
The Resilient

 

Nazione:
Italia

 

Formazione:
Angela Di Vincenzo - vocals
Andy Menario - guitar, vocals, and keys
Sebastiano Dolzani - drums
Andrea Arcangeli - bass

 

Genere:
Rock Metal

 

Durata:
38' 30"

 

Formato:
CD

 

Data di Uscita:
17.06.2022

 

Etichetta:
7hard
[Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di 7hard

 

Distribuzione:
---

 

Agenzia di Promozione:
SL Agency
[MetalWave] Invia una email a SL Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di SL Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di SL Agency [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagine GooglePlus di SL Agency

 

Recensione

I talentuosi Secret Rule tornano sulla scena con un nuovo disco dal nome in qualche modo evocativo: The resilient.
Sin dalla loro formazione, i ragazzi hanno saputo stupirci con frequenti uscite discografiche e una creatività invidiabile, non da meno uno stile molto personale che ce li fa riconoscere sin dai primi momenti, senza dimenticarci la loro capacità di affrontare il palco con estrema professionalità e naturalezza.
Con questa breve e doverosa premessa, mi preparo ad ascoltare The resilient e a farmi stupire ancora una volta.

Si inizia con il primo singolo estratto One more: brano energico in cui ogni membro della band riesce a creare una dinamica sicuramente apprezzabile, va da sé l’interpretazione di Angela che fa emergere una serie di emozioni, dalla rabbia alla disperazione, coinvolgendo l’ascoltatore fino alla fine.
Apparentemente più calmo, Time to reset in realtà si accosta a un metal più sinfonico in cui voce e chitarra sono le protagoniste indiscusse, il finale lascia una sorta di malinconia nell’aria.
I wanna cry si accompagna a suoni elettronici che le danno un leggero tocco industrial, possiede un’apertura nel chorus che la rende piuttosto melodica; Unlovable è un pezzo che racchiude una dolcezza che non sfocia nelle classiche sonorità da ballad ma rimane in un contesto più ritmato, da notare la parte vocale maschile verso la fine che dona un momento più graffiante.
Quanta grinta in Obsession, potente e diretta, termina con la frase che dovremmo dirci un pò tutti “I’m a fighter”; The illusion possiede una certa sensualità, soprattutto nella fase iniziale, ma non bisogna lasciarsi ingannare perché anche qui troviamo la giusta dose di adrenalina e di sfogo.
The showdown è accattivante e, nello stesso tempo, moderna, ho l’impressione che dal vivo sia ancora più convincente; A Little piece of joy è introspettiva ed eterea al di là della sua anima metal.
Arriviamo alla fine con The hope, song in cui la voce della cantante viene accompagna delicatamente dalla chitarra: breve ed intesa, l’atmosfera è molto intima e sicuramente inaspettata data la verve dei Secret Rule, tuttavia il risultato è decisamente convincente e piacevole.

Con questa nuova opera i Secret Rule riescono ancora una volta dove molti falliscono: rinnovarsi. Nella loro carriera hanno sempre mantenuto una forte identità pur proponendo sempre qualcosa di diverso e in qualche modo innovativo.
The Resilient è un disco potente e ricco di energia, fresco e moderno senza tradire le proprie radici ben salde nel metal e senza nemmeno lesinare nel mostrare il suo lato più dolce e riflessivo, come è giusto che sia, in questo il ruolo di Angela è fondamentale.
Chi conosce già questa band sa benissimo quanto sia complesso “incasellarli” in un genere e, personalmente, questa cosa la vedo come un punto di forza, certo è che con The Resilient non c’è da annoiarsi, solo da lasciarsi travolgere da una delle realtà made in Italy più interessanti e positive da qualche anno a questa parte.
Concludo dicendo che consiglio questo disco perché è, in qualche strano modo, eterogeneo ed esce dai classici schemi donando quel senso di freschezza di cui tanto abbiamo bisogno.

Track by Track
  1. One More 80
  2. Time to Reset 80
  3. I Wanna Cry 80
  4. Unlovable 80
  5. Obsession 80
  6. The Illusion 80
  7. The Showdown 80
  8. A Little Piece of Joy 85
  9. The Hope 85
Giudizio Confezione
  • Qualità Audio: 85
  • Qualità Artwork: 70
  • Originalità: 80
  • Tecnica: 90
Giudizio Finale
80

 

Recensione di reira » pubblicata il 09.06.2022. Articolo letto 451 volte.

 

Articoli Correlati

Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.