«Monster Metal Madness»

Data dell'Evento:
27.11.2005

 

Nome dell'Evento:
Monster Metal Madness

 

Band:
Stratovarius
Hamerfall
Shakra [MetalWave] Invia una email a Shakra [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Shakra [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Facebook di Shakra [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina Twitter di Shakra [Link Esterno a MetalWave] Visualizza la pagina MySpace di Shakra

 

Luogo dell'Evento:
Alcatraz

 

Città:
Milano (MI)

 

Promoter:
Live [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Live

 

Autore:
Jerico»

 

Visualizzazioni:
1810

 

Live Report

[MetalWave.it] Immagini Live Report: Nessuna Descrizione Nonostante il poco e brutto (neve!!) tempo a disposizione ci prepariamo per questa trasferta lampo a Milano per il "Monster Metal Madness" che vede protagonisti STRATOVARIUS, HAMMERFALL e SHAKRA.

L’inizio non è dei migliori, l’oretta di ritardo nell’apertura dei cancelli spazientisce un po’ tutti, ma ci da occasione di spulciare tra la folla e ……. c’è il Barbaro!!

Alle 19.00 finalmente si entra. Giusto il tempo di riempire (e scaldare a FIATO! ) il locale e arrivano gli svizzeri SHAKRA con un ibrido tra hard e heavy melodico (la voce ricorda sia nella tessitura che nella linea melodica Bon Jovi anni ’80). Non li conoscevamo, ma si sono dimostrati all’altezza della situazione. Buona presenza scenica, buon affiatamento ed esecuzione. Con disinvoltura hanno scaldato subito la platea grazie anche ai pezzi brevi e dai chorus melodici e subito cantabili (quasi esclusivamente del loro ultimo lavoro ‘Fall’.

L’atmosfera si scalda (in tutti i sensi!). Approfittiamo della pausa per mettere qualcosa sotto i denti. A prima vista vediamo solo bar (siamo all’Alcatraz – principalmente discoteca), ma cercando bene, in un angolo del locale…. sfornano toast (sempre meglio di niente!)

E’ la volta degli Hammerfall, entrano in scena tra ghiacci, neve e fumo. Apertura di energia pura, spettacolare, ma non poteva essere altrimenti! Presentano con grande entusiasmo il loro nuovo lavoro “Chapter V”. Una dietro l’altra "Secrets", "Riders Of The Storm", "Let The Hammerfall", "Hammerfall", "Fury Of The Wild", "Blood Bound", poi finalmente una pausa e la platea diventa protagonista: "Heading The Call", più volte Joacim Cans lascia il microfono al pubblico in un duetto che va avanti per tutto il brano.

Resta sul palco solo Anders Johansson e offre un gran solo di batteria! Incontenibile dietro la maestosa batteria (4 casse!). Scherza con il pubblico e fa cantare “Run to the hills” dei Maiden!

Puoi il quintetto si riunisce e si riparte con "Templars Of Steel" e "Hearts On Fire" che segna la conclusione di una prestazione memorabile e sicuramente troppo breve.

Nuova pausa e.... nuova birra!

Da dietro il telo in trasparenza vediamo gli strato che prendono posto mentre sui due schermi vengono proiettate la immagini dei backstage del tour in corso.

Cade il telo e si inizia subito alla grande con "Speed Of Light" e "Kiss Of Judas”.

Timo Kotipelto (Do-di-petto!!) si mostra subito in gran forma!

Lo spettacolo continua passando per "Father Time" e "Twilight Symphony" e Jörg Michael si conferma gran lanciatore di bacchette!!

Poco dopo il palco è tutto per Lauri Porra per il suo battesimo italiano! Con grande padronanza si esibisce in un notevole solo (rigorosamente senza plettro!) dove mette in mostra tutte le sue doti tecniche, carica di energia che non fanno affatto rimpiangere Jari Kainulainen! Dopo questa bela cavalcata solitaria ringrazia con un dark “grazi(e) Milano”.

Di nuovo tutti in scena con “Maniac Dance”, "Hunting High And Law" e “Eagleheart” sempre più scatenati!

Arriva una chitarra acustica sul palco e anche noi, come tutti, ci aspettiamo forever, invece…. Timo T. e Timo K. improvvisano una “Paradise” unplugged che coinvolge tutta la platea. I toni si abbassano ancora ed è la volta di “Coming Home”. Lo show sembra giunto al termine con "Destiny" e “We hold the Key” durante la quale viene proiettata la carta internazionale dei diritti umani, immagini di denuncia contro politiche “guerrafondaie” e si conclude con il messaggio “the only key is love”.

Si fanno un po’ desiderare, nascono i soliti cori “strato-strato” che richiamano il quintetto sul palco per l’ultima tornata di brani e naturalmente non potevano mancare “Forever” e “Black Diamond”. Conclusione degna di una grandissima prestazione! Pienamente soddisfatti dello show ci apprestiamo ad uscire in cerca di uno “zozzo” per il consueto “pane e porcu”, ma …… Dove cxxxo è lo “zozzo”?? ;-( niente da fare! La perfezione non è di questo mondo!

(by "Castle")

 

Immagini della Serata

 

Recensione di Jerico Articolo letto 1810 volte.

 

Articoli Correlati

News