«Summer Day In Hell 2004»

Data dell'Evento:
10.07.2004

 

Nome dell'Evento:
Summer Day In Hell 2004

 

Band:
Helloween
Children Of Bodom
Fear Factory
guests

 

Luogo dell'Evento:
Centrale del Tennis

 

Città:
Roma

 

Autore:
Haunted»

 

Visualizzazioni:
2432

 

Live Report

[MetalWave.it] Immagini Live Report: Nessuna Descrizione Eh già.. finalmente dopo lunga attesa vi raccontiamo di uno degli eventi metallici più attesi della stagione: Summer Day In Hell. La manifestazione, che ha gia visto partecipare grandi band in passato, non è stata da meno neanche quest'anno, contattando gruppi delcalibro degli Helloween, Children of Bodom, Fear Factory, Death Angel, Tiamat ed i nostrani Vision Divine che hanno aperto la manifestazione.
E bene dopo una lunga fila davanti ai cancelli della Centrale Del Tennis (Foro Italico), sotto il cielo caldo di Roma, entriamo nel suddetto stadio aspettando con ansia l’inizio della rassegna. I primi ad esibirsi sono appunto i Vision Divine, progetto del chitarrista Olaf Törsen (ex Labirinth), guidati dal singer Michele Luppi (che sostituì il più famoso probabilmente Fabio Lione dei Rhapsody). Il combo (che dal vivo si avvale anche della presenza di Federico Puleri alla chitarra) ha dato sfogo ad una scelta di pezzi che spaziavano dai vecchi ai nuovi dischi, ed hanno ben scaldato il publico per i big della serata con il loro potente suond di stampo power-metal.
Tempo di bersi una birra sotto il cielo della zona sportiva romana ed ecco salire sul palco gli svedesi Tiamat capitanati da Johan Edlund, singer e chitarra (presentatosi tra l’altro con una giacca nera che ricordava un gigantesco condom come potrete vedere nelle foto :P). Sono state da loro proposte un sacco di canzoni vecchie e nuove. A mio avviso non erano molto in tema con la giornata e forse per questo non molta gente li ha seguiti a fondo. C'erano comunque i loro fans ad acclamarli..) senza dubbio una band di primo ordine che non ha niente da invidiare ai+gli altri big della serata, sopratutto in termini esperienza (sono nella scena da 15 anni).
Ed ecco salire sul palco la prima della band per cui valeva la pena di venire al concerto. Uno dei gruppi più eclatanti del movimento Thrash mondiale... direttamente dalla bay area... i Death Angel!!! Dopo il ritorno sulle scene dello scorso anno, quando suonarono anche in Italia in occasione del No Mercy Festival 2004, li ritroviamo in pienissima forma (vedere la sezione photo gallery del nostro forum, per vedere le foto dei reporters di metalwave insieme a membri della band) e con una valanga di pezzi di cui molti nuovi (thrown to the wolves e the evil incarnate..). Una buona presentazione del loro ultimo lavoro, The Art Of Dying, di cui ne è stata ben presentata la violenza esplosiva. Devo dire che Mark Osagueda e company ci sanno ancora fare alla grande, proponendo anche dei classici come la belissima "mistress of pain" oppure "evil priest" e "voracious souls", per chiudere con una bella performance di "kill as one".
Un'altra delle bands più attese della manifestazione, gli autori di Archetype, uno dei dischi col maggior numero di consensi da parte dei media del settore: i Fear Factory! Da ormai quasi 3 anni non calcavano il terreno italiano, dalla data del 1° settembre 2001 a Rimini, nella quale suonarono con la loro passata formazione, con Dino Cazares alla chitarra (sostituito dal proprio bassista Chistian olde Wolbers, a sua volta sostituito al basso da Byron Stroud già bassista degli Strappin Young Lad). Ebbene, con la nuova esplosiva formazione, i 4 (aiutati dal tastierista John Bechdel già collaboratore di Burton nel suo solo project The Wathcers) hanno cominciato il concerto con la prima song del nuovo lavoro "Slave Labor" (davvero devastante), e da li il via con un mix di pezzi classici e nuovi come "demanufacture", "edgecrusher", "shock", "archetype" (a mio avviso il miglior pezzo del disco), ma anche "martyr" del loro primo full lenght e per finire una ottima performance di "Replica"! Veramente eccezionali! (anche qui potete vedere le mie foto e quelle del nostro colalboratore Hatewerk insieme a Byron Stroud nella photo gallery del forum). Un concerto MEMORABILE!
Ed ecco un altro gruppo che sa far esplodere l'entusiasmo della gente presente! Con i loro riffs, la loro tecnica e le loro song stupende, direttamente dai laghi della fredda Finlandia, i mitici Children Of Bodom!!! Capitanati dal geniale singer Alexi “Wildchild” Laiho, e di recente seperatisi dal chitarrista Alex Kuoppala sostituito da Roope Latvala, il combo finnico ha dato prova come sempre di uno ottimo spettacolo presentando ottimi pezzi tra cui: "bodom nigjt silent night", "bodom after midnight", "needled 24/7", "angels don’t kill" e tanti altri. Le foto non sono venute un granchè ma vi assicuro che abbiamo faticato non poco per realizzare quelle che vedete. In sostanza, una performance di gran classe!!!
E alla fine, salgono sul palco i veterani del power-metal mondiale, dal cuore dell’Europa e capeggiati da Andi Deris hanno dato lezione ai moderni gruppi power di come si esibisce una grande band dal vivo. Guidati dall’esperienza di Weikath (chitarra) e di Grosskopf (basso), storici membri della band, hanno rifatto storici brani della band tedesca tra cui "Starlight" del loro primo EP datato 1985, poi "keeper of the seven keys", "eagles fly free", "future world" di dischi datati su cui il singer ha avuto parecchie difficoltà. Miglior prova, invece, arriva sicuramente sui pezzi da lui incisi come "hey lord" e "if i could fly". Pochi i pezzi tratti dall’ultimo lavoro ma han lasciato piu’ spazio ai classici chiudendo con uno dei loro pezzi più famosi, tratto da "keeper of the seven keys part 2", "Dr. Stein"!! A conludere una giornata che penso ricorderemo per un bel po di tempo, davvero un evento sensazionale!!!! In attesa della prossima edizione speriamo di vedere presto questa bella gente di nuovo on the road!

 

Immagini della Serata

 

Recensione di Haunted Articolo letto 2432 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.