« DOWN IN CONCERTO (with Phil Anselmo)»

Data dell'Evento:
12.08.2014

 

Nome dell'Evento:
DOWN IN CONCERTO (with Phil Anselmo)

 

Band:
Down

 

Luogo dell'Evento:
Rock Planet

 

Città:
Rock Planet

 

Promoter:
Rock Planet Club [Link Esterno a MetalWave] Visualizza il sito ufficiale di Rock Planet Club

 

Autore:
Dust»

 

Visualizzazioni:
2818

 

Live Report

[MetalWave.it] Immagini Live Report: Nessuna Descrizione Lo ammetto, quando si parla dei Down, di Phil Anselmo e di tutto quello che gli si avvicina, non posso mai rimanere indifferente e duranti i loro Live non posso fare a meno di dimenticare le intenzioni e il ruolo di reporter e di lasciarmi andare a quello che è stato un grande concerto visto dagli occhi di un fan sfegatato della band.
Andiamo con ordine: la location del concerto è il famoso Rock Planet di Pinarella di Cervia, rinomata località marittima che questa volta ospita il quintetto di New Orleans, locale abbastanza grande che, nonostante il clima infernale riesce a garantire condizioni dignitose al pubblico veramente numeroso per questo evento al chiuso (ebbene si!). Ho avuto modo insieme ad altri arrivati con largo anticipo, di trovare i componenti della band in tenuta estiva aggirarsi per Pinarella, in tutta tranquillità mettendosi a disposizione per foto ed autografi, atteggiamento che non può che far onore a questi grandi musicisti e, non ultimo, grandi persone. Ovviamente, la presenza di Phil Anselmo riesce ad eclissare tutti gli altri: vedere un pilastro del Metal come lui non può non fare un certo effetto a chi è cresciuto con i Pantera nelle orecchie.
Veniamo al concerto vero e proprio: l’apertura cancelli avviene puntuale alle 21:30, la sala si riempie velocemente, anche se l’inizio previsto per le 23:00 senza gruppi in apertura e per di più in un locale al chiuso si rivela veramente dura. Credo che la presenza di una band prima dei Down sarebbe stata molto gradita da tutti, ma il palco abbastanza piccolo insieme al backline veramente imponente avrebbe causato seri problemi di cambio palco quindi, tutto sommato, poco male.
Alle 23:15 parte una breve traccia di intro in puro blues, per dare il tempo alla band di fare il loro ingresso sul palco acclamati a gran voce dal pubblico: tutti sembrano in grande forma, le aspettative non vengono deluse già dai primi pezzi con un sound roccioso, un vero e proprio muro che travolge tutti i presenti nel locale. La scaletta proposta, con mia sorpresa, presenta quasi tutto il disco “NOLA”, forse il più apprezzato in assoluto, ma anche più complesso soprattutto per la performance vocale di Anselmo che di sicuro non attraversa un momento di massima forma. Ad ogni modo, sia la voce sia la presenza scenica Monumentale offrono una performance assolutamente indimenticabile: anche la presenza del nuovo chitarrista Bobby Landgraf non fa rimpiangere l’assenza di Kirk ormai tornato a regime con i Crowbar, macinando riff in piena sintonia con Keenan, l’unico a mio avviso che riesce a mettere ogni tanto ad eclissare Phil Anselmo. Ovviamente è inutile dirlo, per le sonorità dei Down, tutta la sezione ritmica di Pat Bruders e Jimmy Bower al basso e batteria è imponente, con qualche piccola penalizzazione per la batteria data dal mixing, ma l’impatto e la pasta sonora che contraddistingue il sound della band non manca assolutamente.
La playlist procede velocemente, solo una piccola pausa sul finale per proporre “Stone the Crow” e “Bury Me In Smoke ” per un finale a dir poco travolgente. Ecco tutta la scaletta completa:
Lysergik Funeral Procession
Lifer
Hail the Leaf
Witchtripper
We Knew Him Well
Hogshead/Dogshead
Pillars of Eternity
Losing All
Conjure
Eyes of the South

Stone the Crow
Bury Me In Smoke
A seguito della serata viene proposto un buon Dj Set Heavy Metal all’aperto che si dilunga fino a notte inoltrata.
Come già anticipato, mi rimane estremamente difficile cercare di descrivere il live da reporter senza lasciarsi andare a quello che può aver significato questo concerto per me e per molti altri, ma la potenza e l’energia che questa band riesce a dare on stage, penso che farebbe buttare in mezzo al pogo qualunque recensore, anche il più smaliziato. Si ritorna così a casa, stanchi, sudati come mai prima d’ora mi era mai capitato, ma con un grande live da poter raccontare a chi, purtroppo, se lo è perso.

 

Immagini della Serata

 

Recensione di Dust Articolo letto 2818 volte.

 

Articoli Correlati

News
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.