Intervista Flash: Genus Ordinis Dei

Immagine di Genus Ordinis Dei Genus Ordinis Dei è il nome di un nuovo progetto che va ad inserirsi nella multiforme e tumultuosa scena metal italiana. Jerico ha intervistato per voi i ragazzi del gruppo: sentiamo cosa hanno da dire!

 

Visto che siete alla prima intervista in questo sito, perché non presentate ai nostri lettori quando ed in che modo avete iniziato il vostro percorso nel mondo underground?

La band è nata nel 2011. Veniamo tutti dalla stessa città, Crema, e dopo aver militato in realtà musicali diverse nel nostro territorio, abbiamo deciso di creare questo progetto.rnNel 2013 abbiamo registrato il nostro primo disco "The Middle", al quale è seguito un tour in Europa. Grazie a questo disco siamo poi entrati in contatto con Marco Coti Zelati, fondatore, compositore e bassista dei Lacuna Coil, che ha lavorato come produttore al nostro omonimo EP in uscita il 17 Giugno.rnAbbiamo poi, nel 2016, firmato con Mighty Music, un'etichetta Danese che ha ri-pubblicato "The Middle" e si occuperà del release dell'EP.rn

Da quali generi e bands è influenzato il gruppo?

Sicuramente dall'heavy metal. Tutti noi abbiamo un background musicale che appartiene a questo genere. Se dovessimo scegliere delle band che ci rappresentano diremmo Lamb Of God, Gojira, Dimmu Borgir e Dark Tranquillity, ma in generale tutto quello che spazia dal Death, al metal moderno. Fondiamo infatti la sontuosità delle parti sinfoniche che sono nel nostro DNA di Italiani, all'aggressività dei generi che ho elencato prima.

So che potrebbe non essere facile farlo, ma potreste commentare il vostro ultimo lavoro?

Direi che rappresenta un salto di qualità per la band.rnE' stata la prima volta con un produttore di grande esperienza, come lo è Marco, e questo ci ha fatto crescere sia a livello musicale che personale.rnLe canzoni sono molto più moderne e mature rispetto a "The Middle", ma anche in un certo senso: più fruibili.rnE' un EP di forte impatto!rn

La scena metal underground è indubbiamente inflazionata da tantissmi gruppi, per cui (spesso) risulta necessario presentare delle composizioni che si facciano notare nel marasma delle varie scene musicali. Ritenete che le vostre canzoni abbiano da dire qualcosa in più o di diverso da quello che è già stato detto nell'affollatissimo mondo metal?

Assolutamente si, altrimenti avremmo cambiato strada molto prima!rnNon siamo sicuramente la prima band Death-Symphonic al mondo, ma abbiamo una particolarità da non sottovalutare: abbiamo qualcosa da dire.rnTutti i dischi sono parte di un concept ben studiato a 360°, quindi musica, grafiche, illustrazioni, scenografia etc. sono tutte collegate tra loro. Ogni disco aggiunge un tassello alla storia che stiamo raccontando e che racconteremo. E questa cosa in genere ai metallari piace!rn

Cosa pensate del panorama underground nazionale?

E' sicuramente bello sapere che ci sono tante band che nonostante le difficoltà che un musicista incontra ogni giorno, ci credono!rnE' difficile farsi notare, come dicevi tu, ed è ancora più difficile proporre qualcosa di nuovo. Però ho notato con piacere che il metal è ancora una "grande famiglia" in cui ci si supporta a vicenda. Non è sicuramente sempre così, ma si raccoglie quello che si semina!rnPurtroppo è ancora difficile emergere.rn

La carriera di un gruppo musicale (pur breve che possa essere) è sempre costellata di avvenimenti più o meno positivi. Cosa vorreste cancellare e cosa ricorderete per sempre della vostra esperienza di gruppo, dagli inizi inizi sino ad ora?

Non si cancella nulla! Nemmeno le cose peggiori, le decisioni sbagliate, le persone sbagliate e tutte le cazzate che una band fa... Serve tutto per fare esperienza, in un lavoro/passione che ti prende a schiaffi ogni giorno.rnRicorderemo sicuramente il primo tour, la prima volta in studio, il primo disco venduto...ma anche il primo contratto sbagliato, la prima canzone "toppata", e la prima recensione negativa!rn

Come giudicate il veicolo Internet per la promozione della scena musicale?

E' certamente un modo veloce e immediato per arrivare a moltissima gente, ma anche un'arma a doppio taglio. rnHai una portata globale, che però fa "invecchiare" una notizia in 10 minuti.rnDi certo, una band non può permettersi di snobbare i social se vuole farsi conoscere...l'importante è non diventarne dipendenti e non basarsi solo su quello. rnI "like" su Facebook valgono come i soldi del monopoly se poi non sai stare su un palco!rn

Visto che ne stiamo parlando.... quanti CD originali acquistate ogni mese? E quanti ne ascoltate?

Ne ascoltiamo sicuramente un sacco! Ogni nuova uscita delle etichette di cui "ci fidiamo" viene ascoltata e, se il disco piace, lo compriamo!rnPoi ci sono le band alle quali siamo "affezionati"... a loro il disco lo compriamo a occhi chiusi!rnNon saprei dirti quanti dischi compriamo al mese, perchè dipende dalle uscite che troviamo!rn

Cosa vuole fare il vostro gruppo da grande?

Musica.rnVogliamo andare avanti con questa band finchè avremo qualcosa da dire e, pensandoci bene, sarà molto lunga!rnA maggio registreremo il nostro secondo full-lenght e speriamo di riuscire a valorizzarlo al meglio.rn

Ok, ragazzi! Lo spazio a nostra disposizione sta per terminare, ma voglio lasciarvi carta bianca per l'ultimo messaggio. A voi la parola, siete liberi di esprimervi!

Intanto un grazie a voi per averci ospitati qua! E un grazie anche a chi arriverà a leggere fino a qua.rnInvitiamo tutti ad ascoltarsi il nostro disco "The Middle" e ad andare a fondo in quello che è il messaggio che porta, il 17 Giugno poi uscirà il self-titled EP, che aggiungerà altri particolari alla storia che raccontiamo e, se quello che sentite vi piace, allora venite a sentirci live cercandoci ovviamente sui social per rimanere sempre aggiornati sui nostri movimenti e novità!rnrnUn saluto a tutti!rnStay Metalrn

Intervista di Jerico Articolo letto 1148 volte.

 


Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.