Intervista Flash: Hyena Ridens

Immagine di Hyena Ridens Hyena Ridens è il nome di un nuovo progetto che va ad inserirsi nella multiforme e tumultuosa scena metal italiana. Jerico ha intervistato per voi i ragazzi del gruppo: sentiamo cosa hanno da dire!

 

Visto che siete alla prima intervista in questo sito, perché non presentate ai nostri lettori quando ed in che modo avete iniziato il vostro percorso nel mondo underground?

Salve siamo gli Hyena Ridens,veniamo da Napoli,alcuni di noi suonano insieme da una decina di anni anche se in modo incostante:avevamo una band rock psichedelico con testi in inglese,con cui suonammo per qualche anno fino a quando intorno al 2010 ci siamo chiamati Hyena Ridens.Da allora iniziammo a scrivere testi in italiano e a girare nei locali underground e festival locali impegnati nel sociale.Incidemmo una demo e dopo un travagliato periodo di cambi di formazione e mesi morti, trovammo una stabilitˆ con l'arrivo di Andrea Falvo,nostro attuale batterista,nell'aprile del 2013,che ci ha portato alla registrazione del nostro primo disco,"cave canem".rn

Da quali generi e bands è influenzato il gruppo?

Siamo cresciuti un po' tutti col classic rock col punk e col metal,ma riteniamo che nella ricca scena anni 90 fino ai primi 2000 ci sono state le migliori espressioni di questi generi,ed è da qui che traiamo maggiormente ispirazione.Mi riferisco ai Janes Addiction che hanno rivoluzionato il modo di intendere la psichedelia,ai Pearl Jam,agli Incubus,ai O.C.I,ai Red Hot ai R.A.T.M. che sono la nostra bibbia per quanto riguarda la concezione ritmica e del riff e i Massive attack per quel che riguarda la sperimentazione sonora.Ci siamo anche noi tra quelli che hanno passato interi mesi su tutti dischi dei Tool e "Thirteen Step" dei Perfect Circe ,tuttavia abbiamo nel nostro bagaglio anche influenze del panorama nazionale e partenopeo:dai Litfiba ai Bluevertigo ai primi Subsonica ai 99 posse.Strizziamo un occhio verso la D'B' e sonoritˆ elettroniche come i Pendolum,i Noisia e i Prodigy.rn

So che potrebbe non essere facile farlo, ma potreste commentare il vostro ultimo lavoro?

Ci risulta difficile perchè essendone gli artefici ci verrebbe da dirti che è meraviglioso!Altrimenti non avremmo impiegato tanto lavoro per farloÉTuttavia volendo fare un po' di autocritica sappiamo che per certi aspetti pu˜ essere acerbo,sopratutto se lo mettiamo a confronto col materiale che stiamo scrivendo negli ultimi mesi.Immedesimandoci in ascoltatori medi questo disco ci sembra fluido,coinvolgente, carico di momenti di tensione che sfociano in adrenalina e pura energia rock e denso di contenuti sia testuali che sonori:penso di essere stato abbastanza oggettivo!rn

La scena metal underground è indubbiamente inflazionata da tantissmi gruppi, per cui (spesso) risulta necessario presentare delle composizioni che si facciano notare nel marasma delle varie scene musicali. Ritenete che le vostre canzoni abbiano da dire qualcosa in più o di diverso da quello che è già stato detto nell'affollatissimo mondo metal?

Non ci riteniamo al di sopra degli altri gruppi,ma riteniamo che la nostra musica sia particolarmente originale nella scena underground e non ho ancora sentito dei gruppi simili al nostro.Abbiamo tante influenze non ci fermiamo agli schemi di un genere,ci piace contaminare,ricercare,ma con criterio:questa penso sia un arma in più.Siamo molto attenti a dare in ogni brano un messaggio chiaro,ma che non sia scontato,una nostra visione artistica della realtà e della società.rn

Cosa pensate del panorama underground nazionale?

Purtroppo a Napoli e in generale al sud manca un po' una scena underground compatta;ci sono tante band che potrebbero collaborare insieme per avere più possibilità di emergere,invece spesso si tende a rimanere da soli.Ad esempio noi con altri gruppi abbiamo creato una piccola realtˆ alternativa che abbiamo denominato Sibilla Factory,in cui sono coadiuvate varie band emergenti che si sostengono e promuovono a vicenda.Riteniamo che la musica autoprodotta con passione possa raggiungere molte più orecchie,se si uniscono le forze.rnrn

La carriera di un gruppo musicale (pur breve che possa essere) è sempre costellata di avvenimenti più o meno positivi. Cosa vorreste cancellare e cosa ricorderete per sempre della vostra esperienza di gruppo, dagli inizi inizi sino ad ora?

Senz'altro il concerto in cui abbiamo presentato il disco,esattamente un anno fa,¸ stata l'esperienza pi¯ significativa:avevamo messo un punto ad un percorso.Non dimenticheremo mai la concentrazione e la determinazione che avevamo nel fare un'esibizione degna di un gruppo rock.Il locale era molto spazioso eppure era stracolmo, centinaia di persone riempivano ogni angolo,regalandoci un calore unico.Vendemmo tantissimi dischi e la performance and˜ alla grande!rn

Come giudicate il veicolo Internet per la promozione della scena musicale?

La rete,in generale, potrebbe essere una buona occasione di democrazia,ma spesso abusato si trasforma in uno strumento narcisistico,in cui ognuno pu˜ dire la propria anche su ci˜ che non sa.Per riflesso,nella promozione musicale ogni artista,meritevole o non, pu˜ avere,grazie al Web, uno spazio e una visibilitˆ ben maggiore.Tuttavia in poco tempo il mercato si è saturato,generando il caos più totale:il problema di internet oggi è che c'è troppa musica,bella o brutta che sia,e la gente nella confusione di poter ascoltare tutto,ascolta pochissimo e anche con superficialitˆ estrema.Con questo non voglio andare contro il progresso tecnologico,però è necessario guarire da questa pigrizia mentale e trovare un punto d'incontro per dare una spinta agli artisti validi che hanno voglia di dire la propria e far riaffiorare qull'impellente desiderio di ascoltare musica da parte del pubblico.rn

Visto che ne stiamo parlando.... quanti CD originali acquistate ogni mese? E quanti ne ascoltate?

Pochi da quando c'è Internet,non più di un paio a testa,anche perchè mancano i negozi di dischi;per lo più ai concerti cerchiamo di acquistare quelli delle band emergenti o indipendenti che vogliamo supportare.rn

Cosa vuole fare il vostro gruppo da grande?

Siamo più o meno tutti aspiranti musicisti,mal che vada andiamo a zappare la terra continuando a suonare per hobby!rnrn

Ok, ragazzi! Lo spazio a nostra disposizione sta per terminare, ma voglio lasciarvi carta bianca per l'ultimo messaggio. A voi la parola, siete liberi di esprimervi!

Gli Hyena Ridens e la loro crew vi ringraziano per queste domande,che sono state degli ottimi spunti di riflessione,e vi salutano.rnA presto !

Intervista di Jerico Articolo letto 779 volte.

 


Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.