Intervista Flash: Beggars On Highway

Immagine di Beggars On Highway Beggars On Highway è il nome di un nuovo progetto che va ad inserirsi nella multiforme e tumultuosa scena metal italiana. Jerico ha intervistato per voi i ragazzi del gruppo: sentiamo cosa hanno da dire!

 

Visto che siete alla prima intervista in questo sito, perché non presentate ai nostri lettori quando ed in che modo avete iniziato il vostro percorso nel mondo underground?

come band noi Beggars on Highway nasciamo a metà del 2010, veniamo da Parma! "we play rock'n'roll!" (cit. Lemmy)rnabbiamo passato la metà del 2010 a comporre canzoni e a inizio 2011 abbiamo iniziato coi concerti.rna inizio 2012 esce il nostro primo EP "Hard, Loud and Alcoholic!" un disco di 5 canzoni. ne sono state poi vendute circa 300 copie.rndopo due anni di concerti nel 2014 abbiamo composto i pezzi per quello che sarebbe diventato il nostro primo album full lenght: "Onion Eaters"!rnOnion Eaters è uscito il 31/01/2015 in formato cd e il 10/02/2015 in mp3 sulle grandi piattaforme digitali!rndopo quasi 5 anni di esistenza della band, l'uscita dell'album Onion Eaters segna per noi un grande passo: registrare un album di 9 canzoni e poi andarlo a promuovere nei locali ti tempra molto di puù dei concerti che fai quando stai promuovendo un EP! nel mondo underground in italia abbiamo i nostri fan, anche se pochi, ma almeno possiamo dire che sono sempre di più! noi stessi siamo fan di altre bands italiane, con le quali cerchiamo sempre di collaborare! da quando è uscito il nuovo disco ci stanno arrivando messaggi di complimenti da tutto il mondo e questa è una soddisfazione impagabile!

Da quali generi e bands è influenzato il gruppo?

L'Hard Rock della fine degli anni '70 e la velocità del Punk sono le nostre più grandi influenze.rnse dovessimo citare 3 gruppi: Motorhead, Ramones, Black Sabbath.

So che potrebbe non essere facile farlo, ma potreste commentare il vostro ultimo lavoro?

L'autocritica è un dono! il nostro nuovo album "Onion Eaters" è una bomba ahahahahah! apparte gli scherzi, secondo noi l'album suona e suona forte proprio come avremmo voluto. ovviamente col senno di poi qualche piccolo dettaglio lo avremmo modificato ma si sa che fino a quando non hai il cd da ascoltare e con il quale confrontarti non puoi arrivare a dire cose come "qui ci sarebbe stato da dio anche questa cosa". Lo studio di registrazione è sempre un'esperienza fantastica e avere dei buoni produttori è fondamentale! quindi ringraziamo Wahoomi Corvi e Cristian Coruzzi del Real Sound Studio, perchè se l'album vi farà venire voglia di alzare il volume, beh, è anche merito loro!rnla scelta di 9 canzoni piùttosto che 10 è data dal fatto che 10 sembra spesso una costrizione, e arrivare a 10 facendo 9 pezzi + 1 pezzo "filler" non è bello! oltretutto 9 pezzi per un totale di 39 minuti, la lunghezza ideale, perchè oltre ai 45 minuti si rischia di rompere i coglioni, sperando di non averlo fatto nei precedenti 39!!

La scena metal underground è indubbiamente inflazionata da tantissmi gruppi, per cui (spesso) risulta necessario presentare delle composizioni che si facciano notare nel marasma delle varie scene musicali. Ritenete che le vostre canzoni abbiano da dire qualcosa in più o di diverso da quello che è già stato detto nell'affollatissimo mondo metal?

molte volte pare una gara a chi è più diverso dagli altri, e altrettante volte a voler essere tanto diversi si cade in album musicalmente imbarazzanti che rischiano di piacere solo a chi li ha composti.rnla musica, quella vera, vorrei ricordare che non ha un anno di nascita. la bella musica è eterna perchè è fuori dal tempo. non è per essere nostalgico, ma negli anni '70 c'era musica veramente eterna perchè noi la ascoltiamo oggi e ci rendiamo conto che ha superato tutte le mode inutili e che è ancora attuale! nei nostri pezzi puntiamo anche su questo, non vorrei che tra 20 anni qualcuno sentisse "Onion Eaters" dei Beggars On Highway e dicesse qualcosa come "questo suona da 2015" ma solo cose come "questo disco è forte". ci sono tante bands anche in italia che hanno sfornato dischi bellissimi che sono "di oggi" come potrebbero essere di trent'anni fa o del 2030, e questa, per come la penso io, è la vittoria della Musica sulle mode musicali che vanno e vengono.

Cosa pensate del panorama underground nazionale?

come dicevo, in italia abbiamo tante band valide, e alcune potrebbero tranquillamente affiancare sul palco mostri sacri come Motorhead e tanti altri! mi dispiace che non tutti siano al corrente che in italia c'è gente che fa musica con le palle senza essere concorrenti di x-factor e altre cagate simili. meglio non commentare e spegnere la televisione. Anzi, per non sbagliare, io non la accendo proprio!rnnon dico che sono tutti bravi, perchè certe volte in giro senti dei concerti inascoltabili, quindi a dire "bravi tutti" uno può fare solo la figura dell'ignorante.rnBravi invece chi dopo anni e anni continua a girare i locali di sto stivalone chiamato Italia e prova a proporsi all'Europa con piccoli tour, tour europeo che peraltro spero arrivi anche per noi Beggars in questo 2015! se c'è gente ancora appassionata dell'underground è perchè ci sono gruppi che si fanno un mazzo gigante per suonare sempre al meglio e coinvolgere il pubblico con pezzi tosti anche senza essere i nuovi Robert Plant e i nuovi Jimmy Page!

La carriera di un gruppo musicale (pur breve che possa essere) è sempre costellata di avvenimenti più o meno positivi. Cosa vorreste cancellare e cosa ricorderete per sempre della vostra esperienza di gruppo, dagli inizi inizi sino ad ora?

Cancellare nulla, un percorso concreto è fatto anche di errori. dico solo che il 2013 lo abbiamo completamente buttato per via di cambi di formazione. ma dal 2014 siamo tornati sulla giusta carreggiata e siamo appena usciti col nuovo album "Onion Eaters"!rnricorderemo sicuramente l'appartemanto che abbiamo affittato per le due settimane di registrazioni del nuovo album! come entravi nel condominio potevi sentire odore di cipolle, e come entravi nell'appartamento, beh, meglio aprire le finestre ahahahah! in frigo c'erano solo le essenziali cipolle da fare soffritte con la pasta, e dei gran birroni! esperienza fantastica, e ferie indimenticabili! ma il bello deve ancora arrivare!

Come giudicate il veicolo Internet per la promozione della scena musicale?

Internet è l'unica via. oggi con un clic possono sentire il tuo disco in tutto il mondo! mica male no?rnsenza internet uno potrebbe auto-promuoversi solo nell'arco di 100km a dir tanto! e da qui agli Stati Uniti hai voglia a promuoverti senza internet!

Visto che ne stiamo parlando.... quanti CD originali acquistate ogni mese? E quanti ne ascoltate?

esempio personale: divido in 2 i miei acquisti musicali.rn1- vinilirn2- cd di gruppi "underground" o comunque non storici.rnin quanto ai vinili una volta ogni due mesi qui dove abito io a Busseto (PR) c'è un mercatino dell'antiquariato e ci lascio parte dello stipendio! diciamo 3 vinili al mese dal momento che ne compro 6 o 7 ogni 2 mesi!rnin quanto invece ai cd, li compro ai concerti quando il gruppo che vedo mi piace! quando non suoniamo vado a vedere circa 3 o 4 concerti al mese! in casa possiedo ad oggi una cinquantina di cd di solo bands italiane o comunque underground. direi che il mio piccolo contributo lo do! e so che anche i miei soci sono presenti spesso ai concerti dato che se non ci vediamo per suonare ci vediamo spesso a vedere concerti altrui in emilia!

Cosa vuole fare il vostro gruppo da grande?

si può dire che la domanda è scritta male? suonare non è una cosa infantile e ti dico cosa ne penso a riguardo: noi membri dei Beggars siamo in 5 e abbiamo un lavoro che ci da il pane, e poi suoniamo nel weekend. i piedi per terra prima di tutto perchè le rockstar non esistono. e chi crede di esserlo, allora "da grande" la prenderà nel culo! suonare è molto più "da grande" di chi si definisce "troppo grande per suonare" (e alla parola grande allora sostituirei la parola antico, perchè Mick Jagger è vecchio, ma non certo antico!). suonare è poi "da grande" perchè oltre alla sua vita privata e professionale, un musicista deve organizzare la sua vita musicale con altre 4 persone, nel nostro caso. esempio lampante: prendo il nostro bassista Dimitri Corradini: è il più "saggio" di noi dall'alto dei suoi 40 anni (noi altri 4 invece ne abbiamo tra i 21 e i 26)! allora parliamo del "piccolo musicista" Dimitri: responsabile di reparto in fabbrica, illustratore per giornali e libri, bassista per noi Beggars On highway e per la storica band Death Metal italiana Distruzione. cosa c'è in tutto ciò di "non grande?"rninfine il gruppo vuole solo rimboccarsi le maniche e andare avanti per la sua strada!rnpenso sia tutto!

Ok, ragazzi! Lo spazio a nostra disposizione sta per terminare, ma voglio lasciarvi carta bianca per l'ultimo messaggio. A voi la parola, siete liberi di esprimervi!

I concerti sono adrenalina, i concerti sono divertimento! se vivete la musica, dovete vivere anche i concerti!rnnoi speriamo di vedervi numerosi ai nostri prossimi concerti in giro per l'italia!rnil rock'n'roll non va di moda, ma noi ve lo suoneremo lo stesso!!

Intervista di Jerico Articolo letto 1756 volte.

 


Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.