Intervista Flash: Inside The Hole

Immagine di Inside The Hole Inside The Hole è il nome di un nuovo progetto che va ad inserirsi nella multiforme e tumultuosa scena metal italiana. Jerico ha intervistato per voi i ragazzi del gruppo: sentiamo cosa hanno da dire!

 

Visto che siete alla prima intervista in questo sito, perché non presentate ai nostri lettori quando ed in che modo avete iniziato il vostro percorso nel mondo underground?

Gli Inside The Hole sono un power-trio siciliano dalle forti tinte hard’n’blues composto da Roy Zappia (Voce/Chitarra), Emanuele Cutrona (Basso), Alessio Runfola (Batteria).rnIl differente background musicale dei tre crea un’alchimia del tutto particolare che si riversa nelle performance live. Nati alla fine del 2009, compongono l’album "Beer! Sex!..and Fuckin’ Roll" (album autoprodotto 2011) che riceve recensioni e commenti positivi da giornali, radio e web radio regionali, nazionali ed internazionali e soprattutto dagli ascoltatori. Viene promosso attraverso una fitta attività live nell’underground, agli estremi opposti dell' Italia e 2 tour europei nel 2012 (10 nazioni in tutto).rnDopo esserci trasferiti stabilmente a Milano per proseguire i nostri studi musicali ed aver firmato con Logic(il)logic Records per l'uscita ufficiale del debut album Impressions (Rilasciato 17 Giugno 2014, distribuito da Andromeda e su tutti i digital stores) siamo in costante ricerca di luoghi in cui poter portare la nostra musica, ovunque ve ne sia possibilità. rnNon esitate a contattarci!! Booking & Contatti: insidetheholerockblues@hotmail.it

Da quali generi e bands è influenzato il gruppo?

Il differente background musicale crea un'alcimia del tutto particolare che si riversa live e nelle nostre composizioni. Ogni ascolto ci lascia un qualcosa dentro che fluisce e viene fuori durante l'atto compositivo. Ascoltiamo generi molto differenti tra di noi. Il nostro sound è particolarmente influenzato dal blues, texas blues, funky, jazz, rock e hardrock 70's, 80's, heavy metal, il tutto convogliato da un'attitudine molto rock'n'roll. Per fare dei nomi Robert Johnson, Rory Gallagher, Ted Nugent, Stevie Ray Vaughan, Chuck Berry, Gary Moore, ZZ Top, Danzig, Motorhead, Deep Purple, Led Zeppelin, Black Sabbath, Iron Maiden and more.

So che potrebbe non essere facile farlo, ma potreste commentare il vostro ultimo lavoro?

"Impressions" viene fuori attraverso dieci episodi, dieci fasi che complessivamente vengono espressi nei testi attraverso quel che ci piace definire hard'n'blues. Complessivamente è un inno ala libertà, allo sfrondarsi di tutte quelle barriere che solitamente l'uomo si pone, privandosi della possibilità di fare esperienza. Senza lasciare che il pregiudizio faccia da padrone. E' un lavoro onesto, di cuore e di pancia scevro da inutili fronzoli, diretto.

La scena metal underground è indubbiamente inflazionata da tantissmi gruppi, per cui (spesso) risulta necessario presentare delle composizioni che si facciano notare nel marasma delle varie scene musicali. Ritenete che le vostre canzoni abbiano da dire qualcosa in più o di diverso da quello che è già stato detto nell'affollatissimo mondo metal?

Difficile da dire. Nel momento in cui abbiamo scritto le canzoni abbiamo "semplicemente" fatto leva su ciò che piace a noi senza porci particolari domande. In fase di songwriting abbiamo usato quei riff che ci davano un feedback positivo emozionalmente e musicalmente. Speriamo che chiunque ascolti trovi nelle nostre canzoni un messaggio condiviso e perchè no, rivedersi in quel che cantiamo e suoniamo, o trovi semplicemente un feeling particolare che faccia battere loro il piede, ballare, scapocciare!

Cosa pensate del panorama underground nazionale?

Bella domanda. Penso sia composto da band dannatamente valide, ma per svariati motivi poche riescono ad emergere, o a vivere della propria musica. E molto spesso può succedere che alcune band decidano di smettere perchè non ci sono sbocchi. Purtroppo. Ma bisogna tenere duro e fare in goni caso ciò che è per te vitale, scrivere e suonare. Mi auguro che ci sia più investimento da parte di club, locali, etichette, agenzie sull'underground, in modo tale da porsi nella via di mezzo che c'è tra gli alti livelli, quelli che contano per intenderci e l'underground appunto. Penso ci sia troppo dislivello, e ripeto, ci sono band dannatamente valide in giro che hanno voglia di farsi il culo e suonare.

La carriera di un gruppo musicale (pur breve che possa essere) è sempre costellata di avvenimenti più o meno positivi. Cosa vorreste cancellare e cosa ricorderete per sempre della vostra esperienza di gruppo, dagli inizi inizi sino ad ora?

Tutto! Dall'inizio fino ad ora. Ci sono alti e bassi è chiaro, ma se i primi di rendono felice, i secondi ti fanno crescere permettendo di continuare a fare tutto nel modo migliore possibile. I 2 tour europei del 2012 sono state esperienze uniche che porteremo sempre con noi, ma ogni concerto in senso positivo o negativo che sia, ci ha lasciato qualcosa che abbiamo introiettato all'interno del nostro bagaglio esperienzale.

Come giudicate il veicolo Internet per la promozione della scena musicale?

Geniale, utile, promozionalmente validissimo, permette di conoscere e farsi conoscere in tempo reale dall'altra parte del mondo, gente e band con cui poter collaborare, se solo abolissero il downoload illegale....

Visto che ne stiamo parlando.... quanti CD originali acquistate ogni mese? E quanti ne ascoltate?

Da un periodo a questa parte è impossibile fare una media. Dipende dai periodi e dalle finanze disponibili. Quando abbiamo la possibilità acquistiamo, altrimenti no, li ascoltiamo su internet.

Cosa vuole fare il vostro gruppo da grande?

Suonare il più possibile e continuare a lavorare con lo stesso entusiasmo, fare in modo che il sogno possa diventare realtà, tradotto, arrivare a fine mese con la musica. Ma appunto è un sogno, e l'utilità di un sogno è quella di crederci, senza mai perdere di vista la realtà, che alla fine è quella che conta. Ma mai darle troppo peso, altrimenti ti frustri e vivi male. Godere di ogni attimo, di ogni emozione che la musica trasmette, e cercare di vivere con la coscienza a posto. Alla fine nel nostro percorso stiamo facendo tutto ciò che ci è possibile fare, ma soprattutto ciò che s'ha da fare per dare un minimo di credibilità, immagine e professionalità. Da grandi, vogliamo vivere di musica.

Ok, ragazzi! Lo spazio a nostra disposizione sta per terminare, ma voglio lasciarvi carta bianca per l'ultimo messaggio. A voi la parola, siete liberi di esprimervi!

Grazie mille per lo spazio concessoci ed averci così dato modo di dire la nostra e farci conoscere.rnA Novembre avremo 3 date in Lombardia:rn5/11 Rock'n'Roll, Milanorn14/11 Happy Days, Fiesse (BS)rn21/11 Rock Satisfaction, Castronno (VA)rnSperiamo che qualcuno verrà a trovarci e passare una bella serata in nostra compagnia.rnNel frattempo passate a trovarci sul web!!! Un grandissimo saluto!rnRock On, m/rnInside The Hole

Intervista di Jerico Articolo letto 1304 volte.

 


Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.