Intervista: Trails of Sorrow

Nessuna Descrizione Al debutto e recensiti qui su MetalWave, i romani Trails of Sorrow sono stati qui per voi intervistati come accompagnamento per la promozione del disco. del valore di questo se n'è parlato in sede di recensione, con la band che dissente dal mio punto di vista in qualche punto, ma è normale visto che è giusto che ognuno abbia la propria opinione. Buona lettura!

 

Trails of Sorrow, benvenuti. Comincerei l'intervista parlandoci un pò della band e della sua storia.

Ciao e grazie a te e a Metalwave per l'oppurtunità concessaci.
I Trails Of Sorrow nascono nel marzo dello scorso anno da un'idea mia e di Friedrich Restless Soul (compositore del progetto TOS), il tutto semplicemente da una passione condivisa da oltre venti anni di amicizia per le sonorità doom in tutte le loro sfumature.
In passato entrambi abbiamo avuto esperienze in altri progetti e, dopo un po' di anni di inattività, abbiamo voluto dare vita a ciò che abbiamo dentro ed all'amore che abbiamo per la musica.

Parliamo ora del vostro cd. Presentatelo e descrivetelo ai lettori di Metalwave. Sia come musica che come realizzazione che come testi.

Languish In Oblivion è il frutto delle nostre emozioni e dall'amore per il doom in tutte le sue sfumature, ricco di influenze dark, dove la fusione liriche e musica è simbioticamente poetica.
L'album è caratterizzato da una componente emozionale che vi accompagnerà per tutto l'album e vi stringerà il cuore.

In sede di recensione ho notato che, pur composizionalmente buono, il vostro cd è penalizzato dal fatto di avere suoni un pò finti o comunque non all'altezza, oltre che la troppa omogeneità. Commentate questa mia impressione.

Credo che la recensione fatta sulle vostre pagine sia un pò troppa severa ed in cui si tiene poco conto che Languish IN Oblivion è il nostro debutto assoluto e che alcune delle songs dovevano far parte del nostro debut demo cd. Successivamente con la proposta della Domestic Genocide abbiamo preferito sancire la nostra esistenza con il nostro primo album.
Inoltre se si considera che i Trails Of Sorrow sono nati da circa un e mezzo, credo che abbiamoo fatto parecchio in così poco tempo e inoltre non capisco cosa s'intende per l'omegeneità sottolineata delle songs, a tal proposito penso che siano molto diverse e dinamiche tra loro.

Il vostro genere è stato descritto come "Funeral Gothic doom metal". Non avendo io trovato tracce di Gothic nella vostra proposta musicale, vi chiedo come mai avete usato questa etichetta e cosa c'è di gothic nella vostra musica.

Sai il termine gothic è molto inflazionato ed ormai credo che significhi tutto e niente, sicuramente non è la componente primaria delle nostre songs, ma ci sono molte sfumature che richiamano il gothic sound, esempio su Wonderful Memory o la parte finale di Dreams Are Dying o ancora in Ora è La fine.
Punti di vista in ogni caso, non credo che questo sia rilevante ai fine del nostro lavoro e del risultato positivo ottenuto.

Voi siete un duo proveniente da Roma, una città che tra le altre cose si è fatta notare in questi tempi per una discreta quantità di bands depressive black metal soddisfacenti, come i Misere Nobis e i Dreariness. Siete soddisfatti o seguite il panorama black metal romano?

Premettendo che il nostro sound non può essere accumunato a quello del depressive black metal è un piacere sapere che ci siano delle valide realtà italiane.

A livello di testi, qual è il messaggio, se c'è, che vogliono trasmettere i Trails of Sorrow?

Non ci sono messaggi di sorta attravesro musica e testi, c'è solo la voglia di condividere emozioni mai banali, insieme a chi apprezza la nostra musica e le nostre parole.

Il depressive è probabilmente un genere del black metal talmente espanso che, come forse il folk e il viking, potrebbe anche essere catalogato come musica a parte. Ma ritengo che raramente la qualità musicale possa brillare di effettiva sufficiente originalità e credibilità. Voi cosa ne pensate?

Il depressive black metal non ci appartiene come genere, le nostre songs sono un concentrato di funeral doom dark metal, mi dispiace dissentire totalmente su originalità o credibilità, sinceramente penso che i Trails Of Sorrow siano originali e che godano di una propria credibilità, siamo molto felici a tal proposito che con una crisi estrema a tutti i livelli e nonostante che vendere cd è dura per tutti, abbiamo quasi fatto fuori la stampa dei cd e delle t shirt e la nostra dimensione internazionale cresce ogni giorno di più, numerosi consensi ed attestati di stima da ogni parte del mondo alimentano quotidianamente il nostro progetto e ripeto il tutto in un anno e mezzo. Credo che la tua osservazione possa essere estesa a tutti i generi musicali.

Avete mai affrontato l'argomento live sia con questa band che in passato? Avete qualcosa in cantiere?

Certamente, abbiamo il desiderio di suonare dal vivo, è nei nostri progetti futuri avere un set up live.

Parliamo un pò della situazione in Italia riguardante la musica metal. Alle solite, c'è chi dice che la scena è forte e ottima, chi dice che ci sono problemi, e chi dice che non è mai esistita. Voi come la vedete per quel che riguarda la musica metal in italia? Quali sono i problemi e i punti su cui insistere per suonare in italia?

Premettendo che in Italia c'è sempre del disfattismo parlando di metal e non solo e che spesso l'animo esterofilo colpisce in modo epidemico l'italiano medio e anche i ragazzi che ascoltano metal e affini. Credo che ci sono numerose ottime realtà italiane passate e future e che spesso mi capita di ascolatare numerose band straniere totalmente mediocri che vengono osannate o pompate soltante perchè americane o scandinave.
Abbiamo una grande tradizione musicale e spesso le nostre band si trovano a combattere contro lo scetticismo e contro la mancanza di strutture che rendono il tutto più difficile a confronto di band griffate Norway, Sweden o Usa.

Cosa c'è di nuovo per i Trails of Sorrow nel futuro? Rivelateci i vostri piani futuri.

Attulamente stiamo lavorando sulle nuove songs che faranno farte del nostro nuovo album che spero veda la luce per la primavera del prossimo anno.
Inoltre vogliamo preparci per affrontare un discorso live che aumenterà il livello di crescita del progetto. A tal proposito ci avalleremo di nuove figure nella versione live dei Trails Of Sorrow.

Le ultime parole famose...

Grazie ancora per la vostra disponibilità e per il supporto.
Chiunque fosse interessato al nostro progetto, può seguirci sulla nostra pagina fb o sul nostro canale youtube doomofsorrow o su twitter con dying poet, siamo presenti, su reverbnation, metalnation, last.fm, presto avremo un nostro sito inoltre per info, cd e t shirt potete scrivere a: dying_poet@hotmail.it

Altre Immagini

 

Intervista di Snarl Articolo letto 1727 volte.

 


Articoli Correlati

Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.