Intervista: IV Luna

Nessuna Descrizione Siamo al cospetto di uno dei gruppi Prog-Metal più ispirati della nostra penisola,ormai maturo per spiccare definitivamente il volo e raccogliere i meritati frutti del loro lungo e sudato lavoro: conosciamoli meglio scambiando due chiacchiere con Julius e Giaco...

 

Ciao ragazzi,iniziamo subito con il parlare di voi: che ne dite di presentare sinteticamente la band e ciò che l’ha spinta a costituirsi?

(Giaco) Ciao! Dunque… Riassumere sinteticamente piu' di dieci anni di attivita' musicale non è semplice ma fortunatamente per te, avendoli vissuti per lo piu' da fan, non conosco molti "dettagli"!!! ah ah ah
(Julius) Io che invece sono veterano ne so qualcuno di più, quindi sei meno fortunato! Ah ah ah! I IV Luna esistono dal 1994, un lungo viaggio direi! Mica facile sopportarsi tutti questi anni! In questo lungo periodo abbiamo registrato due album (“Liberamente” del 1999 e “D’incanto” del 2004) ed ora stiamo preparando il terzo, che si intitolerà “RED ROOM”. Lo scorso anno abbiam cambiato bassista ed ora abbiamo con noi Giaco, ottimo bassista ed ottimo ragazzo! Che volere di più?

Qual è la proposta musicale che offrite e a quale target vi proponete?

(Julius) Direi fondamentalmente un Metal-progressive dalle tinte piuttosto oscure… non siamo maniaci della tecnica, anzi… proviamo semplicemente a scrivere buone canzoni che funzionino.
(Giaco) Offriamo semplicemente noi stessi in note. Personalmente detesto catalogare la musica e infatti non lo faro':)! Siamo quello che suoniamo e con l'unico "scopo" di trasmettere l'energia e le cosi' tanto menzionate emozioni che l'insieme di piu' suoni , di piu' strumenti e di piu' voci dovrebbero dare.

I testi delle vostre canzoni non sono mai banali: chi è il vostro autore più prolifico e quali sono le sue fonti di maggior ispirazione?

(Julius) Ti ringrazio! Diciamo che sul prossimo disco la maggior parte dei testi sono scritti da me…perché sostanzialmente il disco parla di una mia esperienza personale.. Ma in passato anche Miki, il cantante, si è spesso cimentato! E devo dire che i suoi testi sono davvero i migliori dei IV Luna! Molto poetici!

Roma, la vostra città natale e di riferimento, è recettiva nei vostri confronti o vi si presentano problemi di audience? E quale il riscontro nazionale?

(Julius) Beh, Roma è “casa dolce casa” in un certo senso, e quando suoniamo per noi è sempre un piccolo evento. Ma anche suonare nel resto d’Italia è divertente e gratificante. Diciamo che dal vivo forse esprimiamo al massimo il nostro potenziale e il più delle volte la nostra energia viene recepita a pieno.

A breve avete intenzione di pubblicare il vostro terzo full lenght: come mai la scelta di stampare un EP che lo preceda?

(Julius) Diciamo che “Anteroom” è un piccolo antipasto dell’album che verrà, “Red Room”. È effettivamente l’ “anticamera” in attesa di entrare nella “camera” vera e propria, ed è destinato ad etichette e magazines. Stiamo cercando un contratto che ci permetta di avere maggiore visibilità, e “Anteroom” rappresenta il nostro piccolo biglietto da visita.

Quindi, qual è, in generale, l’atteggiamento delle case discografiche nei confronti della vostra tipologia di band?

(Julius) Finora purtroppo abbiamo avuto poca fortuna con le case discografiche.. Tutte ci ritengono piuttosto incatalogabili, e non intendono rischiare. Anche l’utilizzo dei testi in italiano è stato purtroppo un ostacolo per noi, e paradossalmente proprio con le etichette italiane! A ciò aggiungi la grossa crisi in campo discografico, che non consente alle etichette più piccole di “investire” su band atipiche e che le costringe a puntare su prodotti di sicura collocazione commerciale.

Avete in progetto una serie di date? E se sì come si articoleranno?

(Julius) a partire dall’autunno pianificheremo delle date in giro per l’Italia, ma non saranno moltissime, anche perché al momento non abbiamo un nuovo prodotto da promuovere. Inoltre Miki è appena diventato papà di uno splendido maschietto, quindi la nostra attività si adeguerà anche a questo lieto evento! Il nostro sforzo maggiore sarà concentrato in studio, per portare a termine le registrazioni e tutte le lavorazioni successive.

L’Italia ha dato i natali a numerose band progressive di enorme valore internazionale: esiste una nuova scena in cui inserirvi o non esistono interrelazioni con altre band prog attuali?

(Julius) Mmm, devo dire che non vedo una nuova scena in tal senso. Ci sono alcune band molto talentuose, ma pure loro non hanno il giusto sostegno e supporto. E quindi alla fine mi ritrovo a vedere concerti dei soliti Banco e Pfm, che comunque restano grandissime band!

Quali influenze avete avuto in passato e quali sono gli album a cui vi ispirate oggigiorno?

(Giaco) Penso si noti una forte influenza dei METALLICA "piu' puri" di “Master Of Puppets” e “...And Justice for All” , almeno questo e' quello che ho notato la prima volta che ho ascoltato i IV Luna...
Specialmente nella batteria di Alex quei suoni ritornano spesso.
Anche i MOTORHEAD di “Overkill” e “Ace Of Spades” si affacciano di tanto in tanto e ultimi, ma non certo per importanza, i BLACK SABBATH di “Black Sabbath” , “Paranoid” e “Heaven & Hell”.
Arrivando ai giorni nostri sicuramente ci ha profondamente segnato il capolavoro dei TOOL “Lateralus” e personalmente le atmosfere di “Dead Again” dei MERCYFUL FATE e “Deloused in The Comatorium Tremulant” dei MARS VOLTA.
(Julius) In effetti in passato siamo stati tutti pesantemente influenzati dal thrash della Bay Area, da band come METALLICA, ANTHRAX, VOIVOD, OVERKILL ecc. o da gente come QUEENSRYCHE, SANCTUARY e CRIMSON GLORY. A questi ascolti affiancavamo cose italiane di grande spessore, come CCCP – CSI e KINA! Abbiamo sempre ascoltato di tutto senza problemi, persino cantautori come Bennato o Battiato! Ed oggi giorno la regola non cambia, si passa dai PGR ai Dream Theater, dai Katatonia ai Korn passando per System of a Down e Opeth! In questi giorni sto consumando l’ultimo album dei Nevermore, una band che adoro davvero!

Che importanza ha internet per la musica prog, partendo dal sito del gruppo per finire ai vari portali che trattano la musica in questione, passando dai vari blog amatoriali e dalla possibilità di acquistare un disco di difficile reperibilità tramite rete?

(Julius) Internet ha abbattuto molte frontiere, ma ne ha create molte altre! Per noi band underground è un ottimo veicolo di diffusione, non c’è dubbio. Ma rappresenta a volte un ostacolo per vendere i propri dischi originali, e ricavarne quindi il profitto necessario per registrarne di nuovi.. L’aspetto benefico della pirateria è quello di aver messo in crisi l'industria discografica, che ha sempre mangiato alle spalle delle bands e di noi compratori di musica! Ma l’aspetto negativo della stessa è quello di aver un po’ affamato le band minori, costringendole a lavorare con sempre meno budget e quindi meno qualità.
(Giaco) Internet e' sicuramente la vetrina piu' grande e “luminosa" per la musica Prog, che trova nella rete tutto lo spazio che merita e che non riesce ad ottenere nei canali televisivi e radiofonici, monopolizzati da menti chiuse che manovrano teste "lobotomizzate" . Per fortuna esistono realta' "sommerse" in cui la buona musica trova il giusto respiro, come radio indipendenti e "autogestite"! Qui a Roma abbiamo ad esempio Radio Rock che ne è un buon esempio! Ci sono anche portali come il vostro o come “Movimenti Prog” che resistono e insistono col provare ad aprire gli occhi e togliere i tappi dalle orecchie della gente piu' facilmente influenzabile. Sono convinto che internet sia il Futuro in tutti i sensi e che possa aiutare la musica ad avere un miglior avvenire. Basti guardare l’enorme quantità di buona musica che possiamo trovare su Myspace, che offre gratuitamente la possibilità di auto-promuoversi e persino auto-distribuirsi in tutto il mondo attraverso la vendita dei propri dischi o singoli brani on-line.

Avete un messaggio da mandare ai lettori di MW?

(Giaco) Fondamentalmente vorrei dire di ascoltare tutto senza fissarsi su un solo genere, esser curiosi e aver voglia di conoscere tutto, e per quanto possibile cercare il buono in ogni tipo di musica! questo vale per ogni forma d'arte ed espressione senza pero' sentirsi costretti ad ingurgitare tutto, ma semplicemente assaggiare per poi decidere cosa mandare giu' e cosa sputare.
(Julius) Spero avrete modo di ascoltare ed apprezzare la nostra proposta musicale! Se volete saperne di più, visitate il nostro sito ufficiale http://www.quartaluna.com o su My Space http://www.myspace.com/ivluna.

Altre Immagini

 

Intervista di Ernando Articolo letto 1266 volte.

 


Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.