Intervista: Node

Nessuna Descrizione Il nostro caro e vecchio "HatewerK il Babbione", ha fatto 4 chiacchiere con Gary D'Eramo, chittarista di uno degli attuali migliori gruppi della scena Death Metal internazionale, i Node.

 

HatewerK :: Ciao ragazzi, prima cosa: avete un sito Internet bellissimo! Chi l'ha curato, voi?

Gary :: No il sito è stato realizzato interamente da Paolo Eramo, un web designer di Padova, che tra l'altro si è anche occupato della realizzazione grafica interna del booklet di Das Kapital..

HatewerK :: Sempre sul sito, in fondo alla pagina, sono in bella mostra noti marchi di strumenti musicali, questo mi fa pensare che siate endorsers. Significa che il signor Brunetti vi manda a casa una bellissima hostess in bikini che vi prega in ginocchio di accettare in dono una nuova testata valvolare? Per molti, avere un endorsement significherebbe aver raggiunto un certo livello di successo.

Gary :: Inanzitutto tengo a precisare che l'unico endorser che abbiamo è la Laceworks che ci procura le chitarre. La pubblicità della Brunetti è stata messa per ringraziare il signor Brunetti che ha partecipato attivamente alla realizzazione dell'album dandomi preziosissimi consigli sulla strumentazione da utilizzare. Ci sentiamo molto spesso e pubblicizzare il suo marchio mi è sembrato il modo più adatto e concreto per dirgli grazie di tutte le cose che mi ha insegnato in questi anni.

HatewerK :: 2 EP e 3 full cd: dal 1994 al 2004 (a proposito, buon decennale! Come festeggiate?), qual è stato il periodo più lucente e quello più opaco, sia in Italia che all'estero?

Gary :: Non vedo periodi opachi nella nostra carriera tranne forse quando mezza band nel 1999 ha deciso di mollare il colpo. Dico forse dato che questo evento ci ha dato gli stimoli a non mollare e a crescere umanamente e musicalmente.

HatewerK :: In 10 anni, a parte le "fondamenta" del suono della band, la vostra musica si è evoluta notevolmente: ci volete illustrare questo cammino, e che cosa vi ha passo passo influenzato?

Gary :: L'evoluzione in tutti questi anni è scaturita soprattutto da un volersi sempre mettere in discussione musicalmente o meglio, in un certo senso è scattato qualcosa che ci ha stimolato a ricercare qualcosa di diverso ogni volta che si trattava di buttare giù roba nuova, diverso nell'approccio prima di tutto. Le influenze sono diverse per ognuno di noi, sopratutto grazie al fatto che ogni membro della band ascolta stili e generi diversi. Insomma non abbiamo mai avuto paura di cambiare o intestardirci su uno stile, ma abbiamo sempre dato importanza al fatto di plasmarlo sempre in modo diverso lasciandolo sempre riconoscibile e personale.

HatewerK :: Avete registrato gli ultimi 2 album nei famosi Underground Studios: è per una questione di fama e ritorno d'immagine, o veramente in Italia non c'è ancora la competenza necessaria per registrare un buon album metal? A me sembra che ultimamente dagli studi italiani (Un nome su tutti, i Fear Studios di Ravenna) escano lavori a dir poco ottimi.

Gary :: Gli studi italiani sono sicuramente ottimi ma non competitivi. Purtroppo ai nostri studi mancano produttori che ti possano tirare fuori un prodotto perfetto sotto tutti i punti di vista. Questo anche perchè non abbiamo la cultura Metal ancora radicata al 100% nella nostra scena musicale.In "Das Kapital" è contenuta una (stupenda) cover di "Empire" dei Queensryche; siete fan del gruppo in generale o di quell'epicissimo pezzo in particolare? Come mai, insomma questa scelta?

HatewerK :: In "Das Kapital" è contenuta una (stupenda) cover di "Empire" dei Queensryche; siete fan del gruppo in generale o di quell'epicissimo pezzo in particolare? Come mai, insomma questa scelta?

Gary :: L'idea di utilizzare questo pezzo è stata suggerita dal nostro sopraccitato Webmaster proprio perchè il testo si inseriva di pieno diritto in tutto il discorso. Il fatto che poi i Queensryche sono tra i nostri gruppi preferiti ha fatto sì che la cosa prendesse forma definitivamente.

HatewerK :: Tra i vostri highlight della carriera, suppongo ci sia la data di supporto ai Death nel tour di Symbolic (e già per questo mi state simpatici, eheh). Come andò? Che impressione vi ha dato, come persona, Chuck?

Gary :: Fu una giornata indimenticabile, il concerto andò benissimo anche se avemmo un problema tecnico al centro dell'esibizione. Ricordo che la gente rispose alla grande pur non conoscendoci. Chuck con noi fu gentilissimo al punto di farci suonare 10 minuti in più e farci dare più spazio per i nostri ampli sul palco dal suo stage manager. Era una persona umile disponibile oltre che piena di genialità. E pensare che qui in Italia ci sono certi personaggi che ti trattano come una merda solo perchè vendono 500 copie più di te....mah lasciamo perdere.

HatewerK :: Il gruppo nel corso degli anni ha subito numerosi cambi di lineup: furono cambi dovuti a motivi personali o musicali? Come vi trovate, con la lineup attuale? Avete più sentito Minelli?

Gary :: Furono tutti cambi per motivi personali che non ti sto qui a raccontare se no ci stiamo sotto 10 anni ancora ;) La line up attuale è senza ombra di dubbio la migliore di tutta la storia della band, sia tecnicamente che personalmente,per la prima volta tutti fanno gli interessi di tutti senza manie di protagonismo come nel passato. Steve ha cambiato vita ci sentiamo ancora ogni tanto lui sta suonando per conto suo a casa col pc. Ho sentito alcuni suoi nuovi lavori, spaziano dal Jazz alla fusion, tecnicamente si è evoluto tantissimo.

HatewerK :: Sapervi in tour con i Lacuna Coil è curioso, fosse solo per le differenze di genere delle due band. Che ne pensate del successo che Cristina e soci stanno ricevendo? Non è paradossale che i Lacuna Coil vivano di luce riflessa di unaband (gli Evanescence) che fa la musica che loro proponevano già da anni?

Gary :: Io penso che i Lacuna Coil siano la più grande metal band italiana. Non abbiamo mai avuto qualcuno nel nostro paese che ricevesse così tanti consensi in tutto il mondo, e sono orgoglioso di essere stato in tour insieme a loro tanto quanto lo sono stato quando ho suonato con i Death. Degli Evanescence non mi frega proprio un cazzo so solo che i Lacuna spaccano e che ci sono da sette anni con due mini e tre album all'attivo....voglio proprio vedere gli Evanescence dove cazzo saranno tra sette o dieci anni...sicuramente su Italia Uno insieme alle Spice Girls in qualche puntata di Meteore:) già adesso non si vedono già più..... Per quanto riguarda la diversità dello stile nel tour Lacuna Coil /Node ti do solo i Numeri, 256 cd venduti e tutto il nostro Merchandise finito, segno che il pubblico dei Lacuna Coil non ha avuto pregiudizi nei nostri confronti come la gran parte degli addetti ai lavori all'inizio del tour.....

HatewerK :: Una "Marzullata": fatevi una domanda e rispondetevi!

Gary :: Mi spiace ma non so più che domande pormi da 10 anni a questa parte:)

HatewerK :: Ok siamo in chiusura. Vi ringrazio infinitamente, ci vediamo in tour! Se volete aggiungere qualcosa fatelo pure! Arigrazie ancora!

Gary :: Grazie a te a tutti i ragazzi che hanno supportato noi Node in tutto questo tempo,che continuano a farlo e un grazie a tutti coloro che ci hanno seguito oppure scoperto durante l'ultimo tour, ci saranno altre date nei prossimi mesi,tenete d'occhio il nostro sito http://www.node.it THIS BLOOD IS WHAT YOU ARE. GARY

Altre Immagini

 

Intervista di HatewerK Articolo letto 1566 volte.

 


Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.