Intervista Flash: Revenge

Revenge è il nome di una nuova realtà che va ad inserirsi nella multiforme e tumultuosa scena metal italiana. ha intervistato per voi i ragazzi del gruppo: sentiamo come la pensano!!!

 

[MW] Visto che siete alla prima intervista in questo sito, perché non presentate ai nostri lettori quando ed in che modo avete iniziato il vostro percorso nel mondo underground?

Ci siamo formati in un ambiente musicale molto difficile, Crotone è una città dedita alle mode, e le mode che vanno ora sono il nu-metal e il death, generi molto rumorosi e privi di melodia, ma i ragazzi escono pazzi per queste cose, e per band come i Linkin' Park, i System Of A Down, gli Slipknot. Noi che puntavamo sul rock, abbiamo avuto non poche difficoltà a mettere subito insieme 4 musicisti per proporre un genere più classico e secondo noi molto più interessante, ma alla fine per fortuna ci siamo riusciti e abbiamo ottenenuto non pochi consensi.

[MW] Da quali generi e bands è influenzato il gruppo?

Bè, ognuno di noi ha avuto proprie influenze, tra le quali metal e grunge, ma quello che ci accomuna è sicuramente il rock, in particolar modo l'hard-rock americano; se dovessimo elencare gruppi che piacciono a tutti e quattro e che comunque ci hanno ispirato direi sicuramente i Guns N' Roses, e naturalmente i recenti Velvet Revolver, dei quali abbiamo suonato anche qualche cover, e pensiamo che proprio il genere di questi ultimi sia quello su cui vogliamo puntare per future composizioni; per il resto potremmo anche citare gruppi cardine del rock made in USA, come gli Aerosmith, i Kiss, o comunque Led Zeppelin, AC/DC, tutte band che indirettamente ci hanno spinto a puntare su questo genere.

[MW] So che potrebbe non essere facile farlo, ma potreste commentare il vostro ultimo lavoro?

E' il nostro "primo" lavoro in verità, e contiene 3 brani, quelli che secondo noi, più che rappresentarci meglio, sono quelli più completi che abbiamo scritto fino ad ora; non dico rappresentarci perchè in effetti non abbiamo ancora trovato un'identità musicale ben definita, infatti il primo pezzo, Breathless, è una rock song molto cupa e dark, con influenze dall'elettronica, ma dura quanto basta; il secondo brano, Second Chance, è una ballata rock in stile Guns, con chitarre in primo piano, voce e cori portanti, e tastiere in sottofondo. Il terzo invece è un pezzo sul rock classico, il cui ritmo trae spunto da canzoni degli AC/DC, e potremmo considerarla una "canzone da stadio". Perciò consideriamo questo piccolo promo più come un valido primo passo per farci conoscere, vista l'ottima orecchiabilità dei brani, ripromettendoci di scrivere del materiale più omogeneo e definito per i prossimi lavori.

[MW] La scena metal underground è indubbiamente inflazionata da tantissmi gruppi, per cui (spesso) risulta necessario presentare delle composizioni che si facciano notare nel marasma delle varie scene musicali. Ritenete che le vostre canzoni abbiano da dire qualcosa in più o di diverso da quello che è già stato detto nell'affollatissimo mondo metal?

Non essendo un gruppo metal potremmo anche evitare di rispondere, ma comunque alla fin fine è una situazione che riguarda un pò tutti, specialmente in Italia dove certa musica "non strettamente commerciale" ha vita difficile. Ribadiamo che i nostri pezzi sono molto orecchiabili, hanno ritornelli semplici, e sono cantante in inglese, perchè riteniamo sia la lingua più musicale per eccellenza; purtroppo è complesso comporre musica innovativa al giorno d'oggi, molte cose sono state già provate, già suonate, noi vogliamo solo divertirci e sperare di trovare gente che si diverta ad ascoltarci e trovi piacevole la nostra musica.

[MW] Cosa pensate del panorama underground nazionale?

Mah, purtroppo quelli come noi sanno benissimo qual'è la situazione: l'underground italiano ha molti giovani talenti al suo interno, musicisti con ottime potenzialità. Nell'ambito metal c'è una vasta gamma di gruppi che sicuramente meritano di fare il grande passo, ma come ben sappiamo il talento da solo non basta, è la fortuna che manca. Per quanto riguarda il rock invece sembrano molti di meno i gruppi, forse perchè chi non suona metal si dedica a qualcosa di alternativo, o comunque non classico o "prevedibile", come potrebbe sembrare il rock. Comunque pensiamo che anche il nostro paese vanta un buon numero di giovani promesse, peccato che nel 99% dei casi rimangono tutti in questo "underground".

[MW] La carriera di un gruppo musicale (pur breve che possa essere) è sempre costellata di avvenimenti più o meno positivi. Cosa vorreste cancellare e cosa ricorderete per sempre della vostra esperienza di gruppo, dagli inizi inizi sino ad ora?

Cancellare pensiamo proprio il primo concerto! D'altronde nessun gruppo di solito fa centro al primo colpo: a causa della penosa organizzazione ci siamo ritrovati a suonare davanti a una manciata di persone, in più non è stata neanche una grande performance; preferiamo considerarla più come una prova generale, che come una vera e propria esibizione, infatti già dal secondo concerto le cose sono andate decisamente meglio, sia come pubblico che come qualità. Da ricordare probabilmente quando abbiamo suonato nel teatro di Crotone, per una manifestazione organizzata dalla radio locale, alla quale hanno preso parte altri 5 gruppi, e più di mille ragazzi, di cui la maggior parte studenti, venuti a vedere lo spettacolo. Sembra poco, ma per un gruppo come noi è già un bel risultato, e speriamo di avere altre occasioni come quella.

[MW] Come giudicate il veicolo "internet" per la promozione della scena musicale?

Ottimo. I siti web di sicuro danno un grande supporto a chi vuole farsi conoscere, noi ne sappiamo qualcosa, specialmente per chi non riesce a trovare materiale audio su una determinata band e nella maggior parte dei casi può scaricarlo o ascoltarlo direttamente sul sito.

[MW] Visto che ne stiamo parlando.... quanti CD originali acquistate ogni mese? E quanti ne ascoltate?

Bella domanda, in effetti è da un pò che non facciamo acquisti, il prezzo dei dischi fa passare subito la voglia, per non parlare dei dvd...
Comunque tutti e quattro nel nostro piccolo abbiamo piccole collezioni, e speriamo di poterle ampliare notevolmente col tempo. Di ascoltare ne ascoltiamo sicuramente molti.

[MW] Cosa vuole fare il vostro gruppo "da grande"?

Quello che vorrebbero fare tutti: sfondare. Anzi, a dire il vero ci accontenteremmo anche solamente di poter girare un pò l'Italia, suonando magari come spalla a qualche gruppo più popolare; se poi dovessimo avere la fortuna di poter fare anche di più, speriamo bene, per il momento suoneremo il più possibile e dove capita, tanto la nostra è sopratutto una passione che un mestiere.

[MW] Ok, ragazzi! Lo spazio a nostra disposizione sta per terminare, ma voglio lasciarvi carta bianca per l'ultimo messaggio. A voi la parola, siete liberi di esprimervi!

Prima di tutto grazie a voi per questo spazio che ci mettete a disposizione, speriamo di non avere dato risposte noiose e di avervi fatto un pò incuriosire, anche se sappiamo che sono tantissimi i gruppi che compilano quest'intervista. In ogni caso vi spediremo il nostro demo appena possibile, accettiamo qualunque critica, e sopratutto lunga vita al rock n' roll m/

Intervista di Tatta Articolo letto 607 volte.

 


Articoli Correlati

News
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.