Intervista Flash: Rotten Halo

Immagine di Rotten Halo Rotten Halo è il nome di un nuovo progetto che va ad inserirsi nella multiforme e tumultuosa scena metal italiana. Jerico ha intervistato per voi i ragazzi del gruppo: sentiamo cosa hanno da dire!

 

Visto che siete alla prima intervista in questo sito, perché non presentate ai nostri lettori quando ed in che modo avete iniziato il vostro percorso nel mondo underground?

Ciao e grazie per averci ospitato! Il nostro viaggio è iniziato quando il nostro chitarrista solista Tim e l'ex chitarrista ritmico Reini erano a un concerto di Dustbolt allo "Szene" di Vienna. Quella sera decisero di formare una band metal. Poco dopo si è unito a loro il nostro cantante Raphi e hanno iniziato a lavorare su alcune idee per le canzoni che avevano già. Quando Reini ha incontrato Chris a una clinic di Gary Holt (Slayer, Testament) e Frank Bello (Anthrax) al Klangfarbe di Vienna - hanno trovato il batterista e così i Rotten Halo sono stati completati e ufficialmente fondati nel gennaio 2020. A causa delle restrizioni e dei blocchi da Covid in Austria il nostro inizio è stato un po' duro ma eravamo tutti motivati, quindi siamo riusciti a finire abbastanza canzoni e a suonare il nostro primo concerto al leggendario Escape Metal Corner Vienna a settembre 2020.

Da quali generi e bands è influenzato il gruppo?

Ce ne sono dannatamente tanti! Ogni membro della band viene da un sottogenere diverso ed è influenzato da diverse band. Tim per esempio è influenzato da band metalcore come As I Lay Dying mentre Chris è un grande fan di band come Eluveitie. Raphi ascolta più thrash metal mentre Reini ama tutto ciò che è veloce e brutale come i Cannibal Corpse. Ma penso che siamo riusciti a trovare il nostro stile combinando tutte queste diverse influenze mentre scrivevamo le canzoni per "Devoured Hope". Per noi era molto importante non solo creare “un tipo” di metallo. Volevamo combinare tutto ciò che amiamo e creare qualcosa di unico che prima non c'era.

So che potrebbe non essere facile farlo, ma potreste commentare il vostro ultimo lavoro?

Penso che abbiamo fatto un buon lavoro combinando i nostri diversi stili per quanto riguarda il nostro suono e il songwriting. “Devoured Hope” non è solo un CD con dieci canzoni metal – è qualcosa di speciale che cerca di mostrare ai fan del thrash metal quanto possono essere fantastiche le influenze core e anche il contrario, per esempio.

La scena metal underground è indubbiamente inflazionata da tantissmi gruppi, per cui (spesso) risulta necessario presentare delle composizioni che si facciano notare nel marasma delle varie scene musicali. Ritenete che le vostre canzoni abbiano da dire qualcosa in più o di diverso da quello che è già stato detto nell'affollatissimo mondo metal?

Beh, è davvero difficile tirare fuori qualcosa di completamente nuovo oggi, ma secondo me una cosa che ci differenzia dalle altre band è il nostro sound. Molte persone ci hanno detto che la brutale aggressione che deriva dal nostro sound è qualcosa che non hanno mai sentito prima. Penso che al giorno d'oggi quasi tutte le band, o diciamo molte band, usino effetti come tastiere o violini. E spesso la cosa più importante secondo me è che lo strumento stesso viene poi dimenticato. Volevamo riportare l'attenzione su chitarre grezze e brutali, batterie fantastiche e voci sexy.

Cosa pensate del panorama underground nazionale?

È fantastico! Ci sono così tante band fantastiche in giro che non riesco nemmeno a dirle! Ogni volta che vado a un concerto a Vienna ho la fortuna di vedere almeno due nuove band! Una cosa triste però è che a causa del Covid molti piccoli locali in cui potevano suonare band locali hanno dovuto chiudere. Quindi temo che sarà più difficile per le band più piccole suonare regolarmente. Ma il tempo si vedrà e forse questi piccoli luoghi riapriranno o ne nasceranno di nuovi.

La carriera di un gruppo musicale (pur breve che possa essere) è sempre costellata di avvenimenti più o meno positivi. Cosa vorreste cancellare e cosa ricorderete per sempre della vostra esperienza di gruppo, dagli inizi inizi sino ad ora?

Beh, la prima cosa che sicuramente non dimenticherò mai è la storia della nostra prima prova in assoluto. Quel giorno mi sono rotto il tallone prima ancora che iniziassimo le prove. Tuttavia ho suonato la batteria per sei ore di fila e due settimane dopo ho anche registrato il nostro singolo "KillDozer". Un altro giorno memorabile è stato sicuramente il nostro primo concerto. Eravamo tutti molto nervosi ma lo spettacolo è stato fantastico e ci siamo resi conto che suonare per le persone è la cosa che tutti vogliamo fare fino alla morte. La terza cosa che vorrei davvero menzionare è il nostro ultimo concerto allo Szene di Vienna. Il luogo in cui siamo nati e il palco più grande su cui abbiamo suonato finora. Questa sensazione e tutte le emozioni che abbiamo provato sono state incredibili e siamo tutti molto più affamati! E per quanto riguarda la tua domanda sulla cancellazione di qualcosa: non vorrei cancellare nulla perché tutte le esperienze che abbiamo acquisito dovevano essere fatte e trasformarci in musicisti migliori.

Come giudicate il veicolo Internet per la promozione della scena musicale?

Internet offre molte grandi opportunità e penso che non avremmo avuto l'opportunità di avviare la band ai tempi del Covid senza l'aiuto di Internet. Ci sono così tanti modi per promuovere la tua musica al giorno d'oggi, dal caricarla su molti diversi servizi di streaming musicale, i diversi modi per produrre contenuti su Instagram o YouTube, ad esempio, per fare concerti in livestream, quando, a causa delle restrizioni, non eravamo ancora in grado di fare i live. Internet è nel complesso un'ottima opzione, soprattutto per i piccoli musicisti, per interagire e anche interagire con i propri fan. Ma, come per la maggior parte delle cose, anche Internet ha un lato negativo. Soprattutto le persone negative e piene di odio sono un grosso problema, perché è così facile dire qualcosa di cattivo o negativo a qualcuno su Internet. Fortunatamente, non abbiamo ancora avuto questi problemi, ahah.

Visto che ne stiamo parlando.... quanti CD originali acquistate ogni mese? E quanti ne ascoltate?

Di solito compro uno o due CD al mese. Grazie a Spotify abbiamo la possibilità di dare un'occhiata a molte band prima di acquistare un CD, il che è fantastico per noi fan, giusto? Ma purtroppo come musicisti non otteniamo molto da esso come otterremmo da un CD. Quindi ho cercato di trovare un modo per supportare i musicisti e le band che mi piacciono, il che mi ha portato alla decisione di non utilizzare solo piattaforme di streaming. Cerco di comprare un CD di ogni band che mi piace e che ascolto. A causa del tempo che devo passare in macchina, ascolto musica almeno due ore al giorno, quindi ho molti CD o EP da ascoltare.

Cosa vuole fare il vostro gruppo da grande?

Ci piacerebbe continuare con le cose che amiamo. Ciò significa fare musica, esprimere noi stessi e condividere i nostri pensieri attraverso le nostre canzoni. Un'altra cosa molto importante per noi è che speriamo di essere in grado di far sorridere le persone e/o aiutarle nei momenti difficili con la nostra musica. Per me, o meglio detto per noi, la musica è sempre stata qualcosa come un "luogo sicuro" dove potevamo fuggire se qualcosa ci rendeva tristi/arrabbiati/frustrati o altro. E questa è esattamente la cosa che vogliamo dare alle persone con la nostra musica.

Ok, ragazzi! Lo spazio a nostra disposizione sta per terminare, ma voglio lasciarvi carta bianca per l'ultimo messaggio. A voi la parola, siete liberi di esprimervi!

Bene! Prima di tutto un grande grazie a voi per averci ospitato! Siamo molto onorati di essere qui e di avere la possibilità di rispondere alle vostre domande. Spero che possiate avere ricevuto una nuova prospettiva sulla nostra band e sulla nostra musica. In secondo luogo, vorremmo ringraziare tutte le nostre famiglie, amici e fan che ci hanno supportato fino ad ora - e state sicuri che molto altro verrà! Forse già prima di quanto pensi! Rimanete positivi, tenete la testa alta e continuate a supportare le vostre band preferite! Supereremo insieme questa merda di Covid e ci rivedremo presto ai concerti e ai festival! E non dimenticate mai di: Stay Sexy!

Intervista di Jerico Articolo letto 78 volte.

 


Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.