Intervista: Defamed

Defamed - Logo Siamo qui con i Defamed, una delle band più importanti della scena Deathcore italiana!

 

I DEFAMED nascono diciamo in maniera "peculiare" per unire forti sonorità Deathcore moderne, Death Metal, Metalcore/Djent ma anche Black Metal. Da dove arriva la vostra ispirazione più grande a livello musicale?

Ognuno di noi si ispira a band e artisti differenti! Siamo spesso ispirati da Humanity Last Breath, Thy Art Is Murder, Whitechapel e simili, come band, singolarmente ci rifacciamo agli artisti che più ci hanno portato a ciò che siamo e a ciò che facciamo, Max prende molto spunto da band come Lorna Shore & Co, Mattia è molto più propenso a vocals in stile Phil Bozeman, insomma, cerchiamo di arrivare ai nostri idoli!

Avete un disco in uscita, "Aeon", ce lo vorreste descrivere?

Dai pezzi che abbiamo rilasciato fino ad ora, potete già farvi un'idea di come sarà strutturato l'EP, abbiamo inserito molte parti orchestrali per rendere il tutto più completo e solenne, ma, ovviamente, abbiamo voluto lasciare parti più "pesanti", in questo EP abbiamo voluto racchiudere tutti gli sforzi che fino ad ora abbiamo fatto per risollevarci dalla situazione che ormai tutti sapete, siamo voluti uscire, o tornare, col botto e a giudicare dai risultati, sembrerebbe che il nostro lavoro stia andando a buon fine.

Che ne pensate in generale del ruolo dei social, di internet e della comunità Metal online Italiana? Com'è stata la vostra strategia iniziale per farvi conoscere?

Indubbiamente, i vari social, pagine FB o IG che siano, il supporto che ognuno da agli altri, in Italia, è solido, per la maggioranza se non altro, come ci può essere gente che supporta una band, dall'altra parte, ci sarà sempre qualcuno che non vedrà l'ora di scrivere qualche commento negativo e totalmente superfluo, ma da parte nostra, possiamo decisamente affermare che il supporto che ci è stato dimostrato sin dall'inizio è stato fantastico. Per rispondere alla domanda su "che strategia abbiamo usato", non c'è una vera e propria risposta, non abbiamo stabilito una tabella di marcia per ottenere questo seguito, sicuramente il passato nei Drown In Sulphur, ci ha dato una gran spinta, un anno fa' ci siamo rivelati, spiegando la nostra versione dei fatti e tutto ciò che è venuto dopo è per gran parte merito del supporto che abbiamo ottenuto.

Avete lavorato con il celebre producer Federico Ascari. Com'è stato lavorare con lui?

Ascari è letteralmente fantastico, ormai sono anni che siamo clienti della Wavemotion Recordings e non cambieremmo per nulla al mondo, Federico è diventato un nostro carissimo amico in questi anni e le giornate in studio sono un piacere, ovviamente, questo non significa che in studio "cazzeggiamo", anzi, per quanto amico sia, quando c'è da lavorare, si lavora. Lui è un grande produttore e musicista, ha sempre grande idee e riesce a migliorarci ogni volta sempre più.

Qualche consiglio che dareste ad una band emergente. Quali sono le band che apprezzate di più in italia?

Consigli per una band emergente? La sola cosa da fare è spingere sempre più e non mettersi comodi una volta raggiunto un certo risultato, non si arriva mai alla vetta, specialmente se non ci si dedica anima e corpo, la strada da fare è tanta. Siate sempre pronti a imparare qualcosa di nuovo, prendete spunto dai vostri idoli, grandi o piccoli che siano, scrivete ciò che più vi piace e, per quanto ci sarà sempre qualcuno a buttarvi giù, non demordete. Molte band underground sono arrivate a livelli altissimi, basta prendere come esempio i Despite Exile, i Damned Spring Fragrantia, che hanno suonato in festival enormi fatto tour con band di fama mondiale, i The Wind Covenant, di cui fa parte il nostro amato Ascari, che dal nulla hanno voluto far capire chi comanda con un featuring di Lee McKinney (chitarrista dei Born Of Osiris), abbiamo i The Big Jazz Duo, che dopo anni di silenzio sono tornati alla carica con dei pezzi clamorosi, tutte band che non si sono mai fermate e, chi più, chi meno, hanno raggiunto risultati invidiabili.

Ringraziamenti

Abbiamo una lunga lista di persone da ringraziare, partiremmo senza dubbio dalla nostra agency, (Anchor Agency), che sia coi Drown, sia ora, ci sta spingendo al massimo.
Dedicheremmo un libro intero ad Ascari, ma non vorremmo si montasse troppo la testa, come già detto sopra, grande produttore, grande musicista e grande amico.
Un enorme ringraziamento va al "nostro staff grafico", ossia Nadia Camilleri e Francesca Torricelli (owner della Trust Nobody Clothing), che ci fanno sembrare belli e impossibile in ogni foto, Luca Rapuzzi, il nostro videomaker, che ci segue ovunque, dai monti più alti, fin giù negli studi, e che tira fuori sempre dei video enormi, Martina Mürer, colei che si occupa di tutta la nostra parte grafica e ovviamente, forse scontato, ma per noi non lo è, un enorme grazie a tutti quelli che ci hanno supportato sin dall'inizio, la nostra ascesa è iniziata grazie a voi e non smetteremo mai di esservene grati.

Intervista di Ozymandias Articolo letto 511 volte.

 


Articoli Correlati

Recensioni
  • Spiacenti! Non sono disponibili Recensioni correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.