Intervista Flash: Noirad

Immagine di Noirad Noirad è il nome di un nuovo progetto che va ad inserirsi nella multiforme e tumultuosa scena metal italiana. Jerico ha intervistato per voi i ragazzi del gruppo: sentiamo cosa hanno da dire!

 

Visto che siete alla prima intervista in questo sito, perché non presentate ai nostri lettori quando ed in che modo avete iniziato il vostro percorso nel mondo underground?

Noirad è il mio progetto solista e vede la luce nel 2010 con l'intento di pubblicare canzoni che, sebbene rientrino sempre nell'ambito dell'Heavy Metal, non siano necessariamente riconducibili ad un unico sottogenere. Questa idea era difficilmente percorribile con un gruppo vero e proprio: trovare un unico genere che metta d'accordo tutti gli elementi di una band non è semplice, ma trovare cinque o sei persone a cui piaccia praticamente tutto quello che il Metal ha da offrire è un'impresa quanto meno ardua!rnUna volta terminata la stesura dei brani ho contattato dei miei cari amici e gli ho chiesto di darmi una mano con le registrazioni dei pezzi.

Da quali generi e bands è influenzato il gruppo?

Come dicevo prima, mi piace un po' di tutto, ma i generi che prediligo sono l'Heavy, il Thrash e l'Epic Metal. Quanto alle influenze, non posso che citare i Megadeth, gli Iron Maiden, i Metallica e i Virgin Steele.

So che potrebbe non essere facile farlo, ma potreste commentare il vostro ultimo lavoro?

Il disco si chiama "Penny Dreadfuls" e prende il nome dalle pubblicazioni horror del XIX secolo. Come quelle storie presentavano una commistione di avvenimenti di cronaca ed eventi immaginari (basti pensare a Varney Il Vampiro o a Sweeney Todd), così i testi del disco parlano di avvenimenti funesti come il disastro di Chernobyl e di leggende quali il vampiro del cimitero di Highgate.rnE' di sicuro il miglior disco che abbia mai pubblicato... essendo il primo hahaha! Scherzi a parte, direi che si tratta di un disco ricco di sfaccettature e che percorre vari territori musicali. La maggioranza dei brani è di stampo Heavy-Thrash ma ci sono anche incursioni nel Black sinfonico e nell'Epic Metal.rnDato che è sempre difficile valutare un proprio disco, invito tutti a farsi una propria opinione ascoltandolo qui: https://noirad.bandcamp.com/ .

La scena metal underground è indubbiamente inflazionata da tantissmi gruppi, per cui (spesso) risulta necessario presentare delle composizioni che si facciano notare nel marasma delle varie scene musicali. Ritenete che le vostre canzoni abbiano da dire qualcosa in più o di diverso da quello che è già stato detto nell'affollatissimo mondo metal?

Onestamente non lo so. Il motivo principale per cui ho pubblicato il disco è che ero estremamente soddisfatto di quelle canzoni e volevo condividerle. Penso che riuscire ad inventare qualcosa di completamente nuovo sia veramente difficile, ma mi piace pensare che i brani siano sufficientemente personali da risultare interessanti e capaci di catturare l'attenzione dell'ascoltatore.

Cosa pensate del panorama underground nazionale?

Penso che ci siano delle ottime band in Italia (le prime che mi vengono in mente sono gli Axiom, i Pulvis Et Umbra ed i Metharia)! A mio modesto parere, il problema della scena underground è che il numero di persone interessate a questi gruppi è ridotto e la maggioranza dell'audience predilige le tribute band. Questo porta i gestori dei locali a concedere uno spazio sempre più esiguo a chi propone musica inedita, favorendo invece chi fa cover.rnCi tengo anche a precisare che non ho nulla contro chi suona in una tribute band e confesso di essermi macchiato della gravissima colpa di essere andato a vedere tali gruppi hahah! Il punto è che se le persone non sono interessate ad una determinata proposta (in questo caso la musica inedita), quel determinato ambiente avrà molti più problemi a prosperare.

La carriera di un gruppo musicale (pur breve che possa essere) è sempre costellata di avvenimenti più o meno positivi. Cosa vorreste cancellare e cosa ricorderete per sempre della vostra esperienza di gruppo, dagli inizi inizi sino ad ora?

L'unica cosa che vorrei cancellare sono i tempi di attesa per la registrazione e pubblicazione del disco. Purtroppo ci sono stati parecchi problemi e inconvenienti che mi hanno rallentato e di cui avrei fatto volentieri a meno! Quanto al momento migliore, direi che si tratta del giorno in cui ho ricevuto i cd del debut-album. E' stato veramente bello poter stringere tra le mani il risultato di tanto lavoro!

Come giudicate il veicolo Internet per la promozione della scena musicale?

Trovo che sia un ottimo mezzo per riuscire ad entrare in contatto con dei potenziali fan, soprattutto ora che ci sono servizi come Spotify. Adesso è possibile ascoltare virtualmente qualsiasi album permettendo anche al gruppo di percepire un piccolissimo compenso.

Visto che ne stiamo parlando.... quanti CD originali acquistate ogni mese? E quanti ne ascoltate?

Non tantissimi... direi un paio, ma ovviamente dipende dal periodo e dalle uscite. Penso di ascoltare circa quaranta dischi al mese... ne ho alcuni che sono praticamente consumati heheh!

Cosa vuole fare il vostro gruppo da grande?

Ovviamente sarebbe bellissimo poter vivere della mia musica, ma ad essere onesti mi basta poter continuare a scrivere canzoni, registrarle e pubblicare dischi!

Ok, ragazzi! Lo spazio a nostra disposizione sta per terminare, ma voglio lasciarvi carta bianca per l'ultimo messaggio. A voi la parola, siete liberi di esprimervi!

Volevo ringraziare MetalWave per questo spazio e per il supporto alla scena underground nostrana. Invito nuovamente i lettori ad ascoltare gratuitamente il disco andando su questo link: https://noirad.bandcamp.com/ e farmi sapere cosa ne pensano!

Intervista di Jerico Articolo letto 534 volte.

 


Articoli Correlati

News
  • Spiacenti! Non sono disponibili altre notizie correlate.
Interviste
  • Spiacenti! Non sono disponibili Interviste correlate.
Live Reports
  • Spiacenti! Non sono disponibili Live Reports correlati.
Concerti
  • Spiacenti! Non sono disponibili concerti correlati.